| categoria: In breve, Senza categoria

Arrivano i buyers stranieri, a Caltanissetta vetrina per agroalimentare

Trenta aziende siciliane e 36 buyers stranieri provenienti da dieci Paesi. La Sicilia dell’agroalimentare si mette in vetrina e misura non solo la propria capacità produttiva, ma anche le proprie potenzialità di export. L’occasione è la missione di incoming organizzata dall’assessorato alle Attività produttive della Regione siciliana nell’ambito del progetto ‘Sicily Food Project’, che si avvia così alla conclusione. A partire da domani e fino al 25 febbraio a Caltanissetta le produzioni siciliane saranno proposte a compratori provenienti da ogni parte del mondo. Nutritissima la pattuglia della Cina, che farà arrivare in Sicilia dieci buyers di altrettante grandi aziende di import-export o di commercializzazione. Della delegazione faranno parte anche operatori provenienti da Stati Uniti, Germania, Francia, Lituania, Danimarca, Polonia, Svezia, Gran Bretagna, Repubblica Ceca e Lettonia. A fare la parte del leone saranno questa volta non solo i tipici prodotti made in Sicily, come olio e vino, ma anche conserve e prodotti dolciari, che sembrano conquistare sempre di più il palato degli stranieri. «Si tratta di un’occasione utile a dare slancio anche alle aree interne della Sicilia – dice il dirigente generale delle Attività produttive, Alessandro Ferrara – L’obiettivo è creare incontri tra imprese e buyers stranieri per favorire l’internazionalizzazione delle nostre aziende, accompagnandole in questo processo. La scelta del settore agroalimentare – ha concluso – è legata al fatto che si tratta di un comparto in cui l’Isola può dire tanto con le sue eccellenze». La missione si articolerà in tre momenti. Lunedì 23 febbraio a Caltanissetta si terrà la presentazione del progetto e gli incontri B2B tra aziende e buyers. Nei due giorni successivi, invece, è prevista la visita ad alcune delle imprese selezionate dall’assessorato e che propongono prodotti di qualità dal vino all’olio, dai dolci alla cioccolata e alle conserve, fino ai succhi di frutta e ai preparati di pesce. Tutte produzioni di qualità particolarmente richieste sui mercati esteri. L’iniziativa rientra nel progetto ‘Sicily Food Project’, avviato nel 2012 e finanziato dal Po Fesr 2007-2013, che ha consentito la partecipazione di oltre 200 imprese siciliane a 15 fiere di settore in diverse parti del mondo, oltre all’organizzazione di road-show e missioni di incoming. Nell’ambito del progetto è stato attivato anche un sito internet dedicato www.sicilyfoodproject.com, una vera e propria vetrina virtuale per le aziende, che possono così farsi conoscere in ogni parte del mondo.

Ti potrebbero interessare anche:

Taranto, assaltano la caserma dei CC per liberare i compagni arrestati
MADE IN ITALY/ Ogni anno prodotti negli USA 200 miliardi di kg di formaggio italiano taroccato
Truffa all'Inps, denunciati imprenditore e 31 falsi braccianti
Intercettazioni, Gratteri chiede un nuovo reato per quelle "arbitrarie"
Lite con la moglie, nei guai giocatore del Genoa
Renzi con la moglie al concerto di Morandi e Baglioni



wordpress stat