| categoria: politica

Fini, il centro destra non ha progetto, altri 15 anni di Renzi

Neanche si è affacciato sull’uscio, che la porta gli è stata sbattuta in faccia. Gianfranco Fini dopo un silenzio durato un bel po’ è tornato a ‘parlare’ di centrodestra. Lo ha fatto in termini per niente positivi, anzi: «Non ha un progetto, è il deserto dei tartari». Se l’è presa con Matteo Salvini, espressione di un «lepenismo d’accatto», e con Giorgia Meloni, «costola di Salvini». E tutto questo ha fatto andare sulle furie chi, nel centrodestra, ci sta ancora. «Fini? Un raccomandato e leader designato da Almirante», il duro commento di Fratelli D’Italia. «Ingiusto attaccare Giorgia Meloni», il parere di Isabella Rauti. Critiche alle critiche che non hanno affatto intimidito Gianfranco Fini che è andato anche oltre. Prima parla di sè: «Avevo avvertito Silvio Berlusconi del rischio deriva del suo partito, evidentemente non avevo tutti i torti». Il problema, per l’ex leader di An, è che «il centrodestra non ha il fascino di un progetto» e sia chiaro, avverte, «se non si ridà progetti e fisionomia, Renzi governerà per altri 10-15 anni». E chissà, dice anche, «forse a qualcuno sta bene così». Sì perché per lui il problema è questo: «è che se Renzi è un innovatore di sinistra, il centrodestra non ha speranza di rappresentare un’alternativa». No, Berlusconi non l’ha più sentito., «non ce n’era bisogno». Ma qualcuno oggi Fini, invece, lo ha letto e ascoltato. E quanto letto e ascoltato non è piaciuto. Il capogruppo alla Camera Fdi-An, Fabio Rampelli, ha ricordato a Fini i pochi voti ottenuti alle ultime elezioni. «Lui che fu imposto da Almirante – ha detto – tutti si aspetterebbero che tendesse la mano a Meloni, e invece assistiamo ad attacchi degni di miglior causa». E a Fini suggerisce anche qualcosa: «prudenza e maggiore umiltà».

Ti potrebbero interessare anche:

GIUSTIZIA/ Orlando: nessuna Corte d'appello chiude
FOCUS/ Ok del governo al piano Madia, rivoluzione-antiburocrazia
Caos Fi, Fitto rilancia: il 21 convention dei "ricostruttori"
Stupri Rimini, il salviniano Siorini: «Quando toccherà alla Boldrini e alle donne Pd?». Espulso
Maggioranza verso rinvio ddl Falanga su abusivismo
Grasso: 'Io uscito dal Pd? E' il Pd che non c'è più'



wordpress stat