| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

SCHEDA/ OPG addio, il futuro (obbligato) è nelle Rems?

Con la pubblicazione del DPCM del 01/04/08 si è avviato in Italia un processo di rinnovamento della assistenza sanitaria dei soggetti/cittadini sottoposti a detenzione, seguendo il principio secondo cui
ogni cittadino ha diritto a ricevere lo stesso tipo di assistenza sanitaria a prescindere dalla sua
condizione giuridica. Questo processo si è esteso anche agli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (Opg) oggetto di attenzione della commissione parlamentare di inchiesta sull’efficienza del servizio sanitario che ha messo in luce come gli OPG non assolvessero quasi per nulla il compito di cura della persona autore di
reato affetta da disturbi psichiatrici, assicurandone solo gli aspetti inerenti alla custodia. Vi è da dire che a fronte di una scarsa o nulla intensità di cure sanitarie, le risorse finanziarie di cui disponevano la gran parte degli OPG erano davvero esigue. Il progetto di chiudere gli OPG e creare le REMS, residenze per
l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria, si è reso necessario perché il DPCM del 1/4/2008 non ha eliminato la possibilità dell’applicazione di misure di sicurezza detentive, che continuano ad essere presenti nel Codice Penale come possibilità per le persone inferme di mente che hanno commesso
reati. Nelle intenzioni generali la possibilità di invio di un malato di mente autore di reato presso una REMS dovrebbe essere residuale rispetto ad altre forme di intervento meno afflittivo sotto il profilo della libertà come, per esempio, l’invio in una comunità residenziale o il trattamento presso il Centro di salute mentale

Ti potrebbero interessare anche:

Boom agriturismi, Abruzzo prima per nuove aperture
Putin cambia tattica, silura Ianukovich, snobba il G8 e taglia il gas all'Ucraina
Per una volta la "fotografia" del Censis è un po' sbiadita
ROMA-LATINA/ Il 27 febbraio l'apertura delle buste con le offerte per la gara
Ferie negate per carenza di infermieri alla Asl RM5? Il commissario frena , parliamone
SANGIOVANNIADDOLORATA/ Primo intervento neurochirurgico per tumore cerebrale con paziente sveglio



wordpress stat