| categoria: Roma e Lazio

WiFi gratuito negli uffici postali, a Roma entro il 2015 abilitati 80 sedi

Un Paese più digitale ma anche più moderno e facile per i cittadini, le imprese e la Pubblica Amministrazione: è l’obiettivo principale del Piano strategico Poste 2020, che prevede il lancio del nuovo servizio WiFi gratuito negli uffici postali. A Roma città il collegamento alla rete internet per tutti i cittadini è già attivo e disponibile presso gli uffici postali di Piazza San Silvestro, Viale Beethoven e Via Marmorata. Il servizio è attivo lungo l’intero orario di apertura: dalle 08.20 alle 19.05 – dal lunedì al venerdì – e dalle 08.20 alle 12.35 il sabato.
Nella capitale le abilitazioni continueranno progressivamente fino ad interessare 80 uffici postali sui 165 operativi. Pertanto, entro l’anno in corso, in un ufficio postale su due sarà presente un hot spot dotato di WiFi.

Accedere alla rete dagli Uffici Postali sarà semplice e a portata di click: basterà infatti registrarsi comunicando il proprio numero di telefono mobile al quale verrà inviato un messaggio con le credenziali per l’accesso al WiFi. A quel punto, attraverso smartphone, tablet o pc sarà possibile navigare in internet, dialogare sui social network o lavorare in attesa del proprio turno allo sportello.

“Il progetto WiFi che presentiamo oggi – dice Francesco Caio – stimolato dallo spirito di collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico, rientra nella missione che ci siamo dati per i prossimi anni nel Piano Strategico Poste 2020: vogliamo essere gli architetti di un’Italia più digitale e stiamo lavorando per rendere migliore la vita delle persone, includendo tutti, e con particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione, per aiutare il Paese nel passaggio dall’economia tradizionale a quella digitale”.

“Il progetto WiFi – conclude Caio – è un altro passo nello sviluppo di prodotti e servizi semplici e sicuri per le persone, le imprese e la Pubblica amministrazione previste nel Piano Poste 2020 che, con investimenti per oltre 3 miliardi di euro, punta a fare di Poste Italiane l’azienda leader del processo di cambiamento e di avanzamento economico e sociale del Paese, permettendo a tutti di cogliere le opportunità di sviluppo offerte dal digitale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Sorpresa, arrivano le domeniche a piedi, al via dal primo dicembre
Atac, scatta la protesta degli autisti: rinuncia agli straordinari e mezzi a 30 Km all'ora
Decoro, rimosse le roulotte a via Ramazzini
IL PERSONAGGIO/ Tronca, la sfida della gestione "ordinaria" della capitale
Tredicenne si butta dalla tromba delle scale a scuola. Suicidio?
A fuoco altri due cassonetti: sono duecento in cinque mesi



wordpress stat