| categoria: Dall'interno

Maltempo, settantamila famiglie senz’acqua o senza luce, ancora pioggia e neve a Sud

Sono ancora 55mila, in tutto l’Abruzzo, secondo dati aggiornati alle 13, le utenze senza corrente elettrica a causa dei guasti dovuti al maltempo. Lo riferisce l’Enel. Al lavoro una task force, ulteriormente rafforzata, di 380 tecnici, oltre a 170 risorse di imprese esterne.

Circa 300 gli interventi in corso. Per rialimentare, anche prima della riparazione del guasto, in alcuni casi vengono utilizzati, ove possibile, gruppi elettrogeni.

SALVATAGGIO DEI CARABINIERI Il mancato funzionamento di un apparecchio salvavita per un guasto alla centrale elettrica rischiava di provocare la morte di un giovane gravemente malato, ma l’intervento tempestivo dei Carabinieri gli ha salvato la vita. È successo ieri a Oriolo romano. Alle 11 circa, la Centrale operativa della Compagnia di Ronciglione ha ricevuto una chiamata da parte di una donna disperata che segnalava, a causa del maltempo, il non funzionamento della centrale elettrica della propria abitazione alla quale era attaccato un macchinario ospedaliero salvavita per il figlio affetto da una gravissima patologia. La donna faceva presente che il macchinario aveva solo un’ora e mezza di autonomia. Immediatamente sono stati allertati i militari della Stazione di Oriolo Romano che, giunti sul posto, si sono attivati per reperire un gruppo elettrogeno che servisse per l’intervento immediato e successivamente hanno allertato una squadra di tecnici dell’Enel di Civita Castellana.

CROLLO A JESI La piena del fiume Esino ha distrutto il cuore della Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi. Il primo centro visita dell’Oasi Wwwf, inaugurato assieme al padre di Sergio Romagnoli nel marzo 1997, è crollato nel fiume Esino a causa dell’erosione del terreno sottostante. Stamane nonni, volontari e operatori erano tutti al lavoro per transennare l’area interessata dalla piena e allestire alcune nuove aree con sentieri e aree sosta per consentire il normale svolgimento delle attività in primavera.

ALBERI ABBATTUTI Prosegue il lavoro delle squadre del servizio Aree Verdi del Comune di San Benedetto del Tronto, supportate da due ditte esterne, per rimuovere i pini caduti e quelli pericolanti che minacciano di abbattersi al suolo. Ad oggi sono circa una sessantina gli alberi, in gran parte pini, abbattuti dal vento e in fase di rimozione, ma è probabile che molte altre piante dovranno essere rimosse perchè a rischio di cedimento. Vista la situazione, e alla luce del fatto che continua a esserci un forte vento, l’amministrazione comunale rivolge un invito a tutti i cittadini affinchè evitino di frequentare pinete e parchi pubblici dove sono presenti pini o altri alberi ad alto fusto.

CASE SENZ’ACQUA Una ventina di comuni delle province di Pescara e di Teramo sono senza acqua corrente a causa di danni alle condotte dovuti a frane e smottamenti e, più in generale, al maltempo degli ultimi giorni. Le utenze interessate dai disservizi, secondo il direttore tecnico dell’ azienda comprensoriale acquedottistica (Aca), Lorenzo Livello, sarebbero almeno ventimila. Molti dei comuni interessati sono gli stessi rimasti senza corrente elettrica. Tecnici Aca al lavoro: gli interventi dovrebbero essere chiusi entro 12 ore e la riduzione o carenza idrica dovrebbe protrarsi per le prossime

Ti potrebbero interessare anche:

Il picconatore Kabobo esce dal carcere
Capodanno: Firenze più gettonata poi Roma e Venezia
Violentata in discoteca: le amiche filmano e le inviano il video su Whatsapp
Napoli, San Gennaro: miracolo alle 10
Estate, un italiano su quattro a dieta
Cortina 'plastic free' cerca abitanti



wordpress stat