| categoria: sanità, Scienza

LO STUDIO/ Sclerosi multipla, una proteina rallenta la malattia

Uno studio della Fondazione Santa Lucia mostra l’efficacia di una proteina nel rallentare la progressione della Sclerosi Multipla. In gioco c’è ancora una volta il sistema immunitario: da tempo e’ noto agli scienziati come sia il maggiore responsabile dell’insorgere della sclerosi multipla. Anziché difendere l’organismo, si attiva in modo erroneo, colpendo le fibre nervose deputate alla comunicazione tra cervello e midollo spinale. In questo errore biologico, le cui cause non sono ancora spiegate, i ricercatori della Fondazione Santa Lucia sono ora riusciti a dimostrare il ruolo importante di una proteina. Si chiama IL-9, è prodotta da una particolare categoria di cellule del sistema immunitario (i linfociti Th9) e agisce direttamente sulle cellule che promuovono l’infiammazione caratteristica della sclerosi multipla. «Abbiamo analizzato la presenza di IL-9 nel liquido cerebrospinale di 107 pazienti – spiega la dottoressa Elisabetta Volpe, responsabile del progetto – Ne abbiamo seguito il decorso clinico per quattro anni e abbiamo potuto dimostrare che più ce n’è, più lento è il decorso della malattia e più efficace l’uso di farmaci di prima linea». «Ci aspettiamo importanti sviluppi nella diagnosi e cura» afferma la dottoressa Maria Grazia Grasso, Responsabile del Centro Sclerosi Multipla della Fondazione Santa Lucia. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Clinical Science e rientra nei programmi di finanziamento per «Giovani Ricercatori» del Ministero della Salute Italiana. È stato realizzato in collaborazione con il Policlinico Universitario Tor Vergata, l’Ospedale San Camillo di Roma e l’Ospedale San Raffaele di Milano. Si è avvalso anche del contributo della Fondazione Italiana Sclerosi Multipla.

Ti potrebbero interessare anche:

Falsi ricoveri in Umbria per eludere i ticket, 800 denunciati
ANTITRUST/ 1 - Per le farmacia si deve cambiare modello, sì a un numero minino
Albo e concorso, rivoluzione per i manager della sanità. E a casa se non funzionano
L'influenza metterà a letto dai 4 ai 5 milioni di italiani
FARMACI/ L'ex direttore dell'Aifa assolto dall'accusa di disastro colposo
Con piatti "belli" in ospedale meno rischi di un nuovo ricovero. Fanno bene alla salute



wordpress stat