| categoria: Scienza

Senza l’uso delle gambe, correranno grazie a un esoscheletro indossabile

Carmine ConsalviNicoletta Tinti affrontano una nuova e straordinaria sfida sportiva: sono i primi paraplegici completi a partecipare alla Maratona di Roma, utilizzando un esoscheletro indossabile.

Domenica 22 marzo, dalle ore 10.00 circa, Carmine e Nicoletta percorreranno il Viale delle Terme di Caracalla, (partendo dal lato Aranciera di San Sisto) per 1 km circa, mostrando come l’esoscheletro ReWalk ha rivoluzionato la loro vita. Max Giusti e molti altri sostenitori li accompagnano in questa straordinaria esperienza.

L’iniziativa, patrocinata dalla Fondazione Santa Lucia e dal suo nuovo Training Center ReWalk di Roma, mira a far conoscere da vicino questa tecnologia, che promette di cambiare la vita quotidiana di tante persone oggi costrette in sedia a rotelle.

Per saperne di più e conoscere i protagonisti, l’appuntamento è al Marathon Village, sabato 21 marzo alle ore 15.00 (Palazzo dei Congressi dell’Eur, Piazza J.F. Kennedy 1). Medici e Bioingegneri della Fondazione Santa Lucia saranno presenti con Carmine Consalvi sul palco di TECHNO RUNNER: in pista con gambe robot, un esoscheletro indossabile che permetterà a chi non può più camminare di tornare a correre”.

Ti potrebbero interessare anche:

L'embrione sa autoripararsi ed eliminare cellule anormale
Donne con sclerosi multipla, 70% gravidanze è programmato
Come rendere più “sensibile”il test della Torre di Londra
Il cervello delle donne è più attivo di quello degli uomini
Il cuore sa auto-ripararsi dopo un infarto
Ictus nemico delle donne, più frequente e fa più vittime



wordpress stat