| categoria: sanità Lazio

L’Asl Roma B «amica dei bambini»: riconoscimento dell’Unicef

Il direttore generale della Asl RmB Vitaliano De Salazar

La Asl Roma B è stata nominata «Comunità amica dei bambini». Il riconoscimento è stato consegnato questa mattina dal Presidente dell’Unicef, Giacomo Guerrera, al direttore generale Vitaliano De Salazar.
Ha spiegato Guerrera: «Le Comunità Amiche dei bambini fanno parte di uno dei più vasti programmi di sensibilizzazione ed educazione sanitaria condotti dall’Unicef nel mondo e di cui l’Asl Roma B rappresenta la quinta realtà italiana. Obiettivo essenziale di questo progetto è creare una “cultura dell’allattamento” nella comunità, nel contesto di una cultura dei diritti dell’infanzia».

La Comunità Amica dei Bambini assicura che le donne che per scelta o ragioni mediche non allattano al seno siano sostenute nella loro decisione e ricevano informazioni indipendenti da interessi commerciali, basate sulle più recenti evidenze scientifiche, per favorire una corretta alimentazione del loro bambino. Inoltre, garantisce un sostegno che coinvolga anche il partner per avviare una buona relazione familiare nei primi 1.000 giorni di vita del bambino.

Nell’Asl Roma B risiedono 700.000 abitanti. I 12 consultori familiari hanno come target di riferimento per i propri interventi 372.245 donne di cui 166.822 in età fertile. Di queste il 12% è rappresentato da utenti straniere. I nati da residenti sono oltre 7000, di questi il 33% sono nati da madre straniera

Ti potrebbero interessare anche:

Frati: da Monti soldi solo ai policlinici privati
"Non è in pericolo di vita", il giorno dopo muore in ospedale
INDAGINE ASL/ Nel Viterbese uso di casco e cinture inferiore alla media regionale
Giuseppe Lavra è il nuovo presidente dell’Ordine dei medici di Roma
Oftalmico al via il Centro a misura di bambino
Asl Roma 1: firmati 44 contratti di stabilizzazione



wordpress stat