| categoria: politica

Forza Italia pensa a Berlusconi sindaco di Milano

ECONOMIA

La pazza idea circola e guadagna terreno: Silvio Berlusconi candidato sindaco a Milano. L’altro giorno, il filosofo-conduttore televisivo Paolo Del Debbio l’aveva detto come una battuta: per il fondatore di Forza Italia, «le primarie potrebbero essere con una cabina elettorale sola, in cui entra Berlusconi e vota: quelle sarebbero le primarie del centrodestra; ah, attenzione, lui potrebbe uscire dalla cabina elettorale e dire: ho vinto io».
Resta il fatto che nel centrodestra l’idea affascina. Soprattutto, hanno fatto drizzare le orecchie alcune delle cose dette sabato dall’ex premier ad un evento di Forza Italia: «A Milano tutto è iniziato e da Milano tutto potrebbe ripartire». E ancora: «Nel 2016 dovremo riconquistare il Comune con un candidato sindaco che sarà la sintesi della nostra storia». Per finire: «Da Milano poi faremo ripartire anche l’Italia, dove siamo la maggioranza vera e naturale».
I sostenitori dell’ipotesi spiegano che le elezioni per il successore di Giuliano Pisapia cadranno subito dopo la fine della sospensione per due anni dai pubblici uffici del leader azzurro. Certo, Berlusconi avrebbe ottant’anni. Ma alla scadenza della legislatura, nel 2018, sarebbero 82. La candidatura a sindaco potrebbe essere una scintillante e anche generosa conclusione di una carriera iniziata proprio a Milano.

Per capire, occorre chiedere a qualcuno che a Berlusconi sia vicino da sempre come la coordinatrice lombarda di Forza Italia, Mariastella Gelmini. «Berlusconi candidato sindaco? Magari…». La candidatura del Fondatore «sarebbe senza dubbio la più forte in assoluto, quella capace, una volta di più, di unificare tutti, e non soltanto per il ruolo politico nazionale: lui sarebbe il miglior interprete di Milano e della sua capacità di costruire e di guardare avanti». Ma? «Ma non so se ci sia la sua disponibilità. Dico la verità, qualche tempo fa io ci avevo pensato e gliel’ho detto. Ma lui ha un po’ lasciato cadere la cosa».
L’idea, peraltro, non è nuova. Ricorda Sergio Scalpelli, già assessore «intelligente» della giunta Albertini e amministratore del Foglio nonché osservatore acuto delle cose (non solo) milanesi, che «fu un’idea di Giuliano Ferrara nel 1997, la vedeva come la ripartenza dopo la sconfitta subita da Romano Prodi e il modo migliore per attraversare la “traversata nel deserto” dell’opposizione; ma lui allora fece scelte diverse, e oggi forse siamo fuori tempo massimo». Non per le chance di vittoria: «Berlusconi certamente compatterebbe il centrodestra. E avrebbe un gran senso se Renzi mettesse lì un Emanuele Fiano o una Lia Quartapelle». Però, «io non glielo augurerei. Ed è inutile pensare a un super staff che gli darebbe una mano. Tra l’altro, scegliersi i collaboratori non è la cosa in cui Berlusconi è più bravo».

Sempre nel 1997, Gabriele Albertini divenne sindaco di Milano: «Ma quando Berlusconi mi chiese la disponibilità, gli dissi: perché non lo fa lei? Lui mi spiegò che aveva dei problemi con l’immunità parlamentare, le procure stavano serrando le file rispetto all’offensiva nei suoi confronti». Ma oggi? Berlusconi candidato è una strada praticabile? «Fare il sindaco è un impegno che assorbe molto più che non un ministero di serie A. Però, certamente un suo impegno su Milano sarebbe risolutivo. Anche se i partiti di oggi sono assai meno omogenei che non quelli di allora. E Forza Italia sembra molto più vicina alla Lega che non a noi di Area popolare» .

Ti potrebbero interessare anche:

DIETRO I FATTI/ Quanto ci costa la Polverini
Berlusconi, voto in Giunta mercoledì. Decisione all'unanimità
M5S sfida Renzi: ci mostri l'affitto della casa dell'amico Carrai
CONSULTA/ In pole il pd Sciarra, ancora dubbi sul candidato Fi
Avvenire contro Vendola: "Il triste mercato dell'umano cresce"
Val D'Aosta, avviso di garanzia e mozione di sfiducia: si dimette il presidente della regione



wordpress stat