| categoria: In breve, Senza categoria

APPALTI Cpl/ Gen. Adinolfi, io trascinato nel fango

«Come devo stare? Come uno trascinato nel tritacarne senza sapere perché». Lo afferma a Repubblica, il generale della Guardia di Finanza Michele Adinolfi, intercettato durante le indagini della Procura di Napoli sulla Cpl Concordia. «Ma quale ingerenza – spiega Adinolfi -, non ho fatto proprio nulla. È vero, a Firenze ho conosciuto il sindaco Renzi e il suo capo di gabinetto Lotti. Ma con loro, come con tutti, intrattenevo rapporti di natura esclusivamente istituzionale, ditemi che male c’è». Alla domanda sul perché un alto ufficiale deve andare nella sede del primo partito italiano, il Pd, entrando dalla porta laterale, Adinolfi replica: «Anche questo è falso: sono entrato dalla porta principale. Non c’è alcun giallo: ero a Roma con la famiglia, Lotti aveva da poco assunto un nuovo incarico. L’ho chiamato per salutarlo e lui mi ha invitato a vedere il suo ufficio. Ho fatto cinque minuti di fila, ci siamo salutati, poi sono andato via», «non mi sono lamentato di nulla – aggiunge sulla proroga concessa a Capolupo -. Ho espresso meraviglia, perché a mio giudizio la proroga rappresentava una decisione presa con troppo anticipo». Alla domanda se è vero che sia stato il primo a fare gli auguri di compleanno a Matteo Renzi, il generale della Finanza replica: «Il primo non lo so. Era il sindaco di Firenze dove io ero comandante interregionale. Ho alzato la cornetta e gli ho fatto gli auguri. Come ho fatto con Nardella, con Enzo Bianco quando ero a Catania. E lo faccio ancora. Ma davvero una persona può essere massacrata dal fango per questo?». «Le indagini – assicura – le abbiamo sempre fatte, nei confronti di tutti. Con la massima serenità e il massimo rigore. Non è che se il sindaco della tua città ti invita a una cena, smetti di fare il tuo dovere. Non basta incontrare Renzi o chicchessia a una cerimonia, per fermare il lavoro della Finanza».

Ti potrebbero interessare anche:

Tiziano Ferro: Sono stato lasciato dal mio fidanzato
Anche il padre di Renzi è candidato alla segreteria del Pd. Di Rignano
Sciopero della metro a San Paolo, ingorgo record: 209 chilometri
Sedentasrietà è patologia, il servizio sanitario la riconosca
Neil Young in concerto a luglio alle Terme di Caracalla
Frizzi di nuovo in tv, a sorpresa alla Prova del Cuoco



wordpress stat