| categoria: politica

MARO’/ Scade il permesso di Latorre, verso richiesta di proroga

E’ una settimana importante quella che e’ cominciata oggi per il Fuciliere di Marina Massimiliano Latorre che da settembre segue in Puglia un programma di riabilitazione dopo l’ictus che lo ha colpito alla fine di agosto, ma che il 12 aprile (domenica) dovrebbe tornare in India al termine del secondo permesso di tre mesi concessogli dalla Corte Suprema indiana. Non ci sono indicazioni ufficiali su quanto l’Italia si accinge a fare davanti all’imminente scadenza. Come e’ immaginabile la vicenda viene seguita da vicino dall’ambasciata d’Italia a New Delhi in collegamento con il team di legali che applicano le direttive definite dal governo italiano. Tuttavia e’ verosimile ipotizzare che di fronte ai tempi stringenti gli avvocati chiedano presto al massimo tribunale indiano di fissare un’udienza urgente sul caso. L’obiettivo e’ intuitivamente quello di presentare una nuova richiesta di proroga del permesso medico gia’ accordato a Latorre. Il tipo di reazione che la Corte avra’ davanti a questa istanza permettera’ una valutazione, magari indiretta, dello stato di avanzamento di tutto il dossier che, e’ bene ricordarlo, e’ al centro di contatti ‘top secret’ fra i governi di Roma e New Delhi. Le uniche conferme dell’esistenza di una proposta italiana, ma non del suo contenuto che resta misterioso, sono venute nei mesi scorsi da responsabili governativi indiani che hanno ammesso di “averla allo studio” e di essere impegnati “a verificarne la compatibilita’ giuridica”. Sulla base della passata esperienza, si puo’ presumere che accogliendo la richiesta i giudici della Corte fissino l’udienza per mercoledi’ o giovedi’ prossimi, in tempo quindi per prendere una decisione prima della scadenza della proroga. Nel caso della concessione dell’estensione del permesso si creera’ un altro spazio temporale che diplomazia e politica dovranno sfruttare al meglio. In un eventuale scenario di rigetto della richiesta, invece, il governo italiano decidera’ sul da farsi, e ovviamente non si trattera’ di una scelta fra le piu’ semplici. Quanto succedera’, peraltro, avra’ un riflesso sull’altro Fuciliere bloccato in India, Salvatore Girone, che continua a risiedere nell’ambasciata d’Italia e che, in occasione delle festivita’ pasquali, ha ricevuto da alcuni giorni la visita della moglie e dei suoi due figli. Una sua richiesta di permesso per recarsi in Italia e ricongiungersi con la sua famiglia e’ stata respinta a meta’ dicembre e questo ne ha fatto secondo alcuni analisti quasi un ostaggio nelle mani della giustizia indiana, complicando una situazione di per se’ gia’ estremamente difficile. L’analisi del caso sembra essersi infatti arenata perche’ dopo l’accettazione da parte della Corte Suprema indiana dell’esclusione della legge per la repressione della pirateria marittima (Sua Act), la polizia investigativa Nia non e’ in grado di presentare i capi di accusa, perche’ solo quella legge poteva estendersi fuori dalle acque territoriali dell’India.

Ti potrebbero interessare anche:

Tosi: "Salvini è il dittatore della Lega. Candidatura? Ci sto pensando"
DEF/ Verso il rialzo del Pil, obiettivo destinare più risorse al welfare
Trentino, alla comunali Forza Italia in crollo verticale: superata da Lega e M5S
Il Cavaliere: traditori fuori. Fitto:stop agli insulti, è rotttura
Passa alla Camera il ddl sul reddito di inclusione
Berlusconi: con Tajani 500mila posti di lavoro al sud



wordpress stat