| categoria: sport

Clima elettrico, De Laurentiis sferza il Napoli

Il clima è elettrico, le voci su ciò che sarebbe accaduto nello spogliatoio nel Napoli dopo la sconfitta in Coppa Italia di mercoledì sera al San Paolo con la Lazio si susseguono ed annunciano venti di guerra. Si parla di un litigio acceso tra De Laurentiis e Benitez, quest’ultimo difeso dai giocatori schierati tutti dalla sua parte. Si tratta, è ovvio, solo di voci che non hanno alcuna conferma ma che, se non altro, servono ad alimentare tensioni e polemiche in un ambiente che avrebbe invece bisogno di calma e serenità. Ma il ritiro punitivo, deciso dal presidente subito dopo la sconfitta con la Lazio, è un dato certo, anche se il patron rifiuta l’aggettivo e parla invece di un’iniziativa per «fare gruppo». Oggi gli azzurri, che si apprestano ad affrontare la Fiorentina domenica pomeriggio al San Paolo, si sono allenati a Castel Volturno in mattinata. «La squadra ha svolto riscaldamento e successivamente intensa seduta tecnico tattica» è stato scritto sul sito della società e quell’aggettivo, intensa, sta a sottolineare, forse, che la strigliata di De Laurentiis, che ha puntato l’indice contro la rilassatezza della squadra e contro la spensieratezza dei calciatori, ha dato i risultati sperati. Il presidente, che dopo un lungo silenzio si era clamorosamente ripreso la scena negli spogliatoi del San Paolo dopo l’eliminazione in Coppa Italia, oggi è tornato alla ribalta con un’intervista a Radio Kiss Kiss. «Il ritiro – ha esordito – non è una punizione per la squadra». De Laurentiis ha in sostanza ribadito quanto già espresso mercoledì sera. «Il concetto di punizione – ha spiegato – non rientra nei miei principi culturali. Il ritiro serve per creare una concentrazione assoluta. Quando dico che Napoli è piena di bellezze naturali, questo significa che in questa città c’è appeal ma anche distrazione. Distrarsi significa anche solo vedere una bella vetrina con la moglie, un panorama, o giocare ad un videogame nel pomeriggio. Io dico solo che d’ora in poi ci vuole massima concentrazione, e la concentrazione significa anche rafforzare una solidarietà di gruppo». «Noi – ha ancora detto il n.1 azzurro – abbiamo una rosa eterogenea con calciatori provenienti da varie nazioni. Siamo stati la terza squadra al mondo a fornire calciatori al Mondiale e questo significa che abbiamo elementi validi che devono essere ‘tutti per uno’ pronti anche al sacrificio per la squadra. La mia decisone è arrivata in un momento in cui avevamo delle defaillance. Per ritrovare entusiasmo e verve bisogna stare insieme per appoggiarsi, sostenersi, amarsi e confrontarsi». «Ma vorrei – ha aggiunto – che si smettesse di parlare di punizione perché non è mia abitudine, né mia cultura. Ci vuole dialogo e disponibilità. I nostri calciatori sono bravissimi, lo hanno sempre dimostrato e devono tornare a ricompattarsi per vincere. E questo non dipende né dal tecnico, né dai dirigenti e né dal presidente, ma deve nascere dal profondo del loro nucleo per attaccamento alla maglia e rispetto per i tifosi». De Laurentiis ha anche ammesso che alcuni dirigenti azzurri non erano d’accordo con la decisione del ritiro: «I miei collaboratori – ha detto – possono anche dissentire dalla mia decisione del ritiro, ma questa decisione spetta a me». Il presidente del Napoli durante l’intervista radiofonica si è soffermato infine sul mercato: «Non considero le parole di chi accusa la società di non aver speso sul mercato – ha detto -. Lo scorso anno sono stati investiti 98 milioni, e sono numeri che non possono essere ripetuti ogni stagione, soprattutto in vista delle spese per l’ammodernamento dello stadio previsto per la prossima stagione».

Ti potrebbero interessare anche:

Balotelli resta al City, lo sceicco lo vuole con sè
CALCIOMERCATO/ Wenger frena su Balotelli, James-Real, si fa
COPPA ITALIA/ Il Napoli ai rigori si guadagna i quarti con l'Inter
La Lazio umilia il Milan, per Inzaghi è un incubo senza fine
CHIEVO-ATALANTA, UN PAREGGIO NEL SEGNO DELLA VAR
GOMEZ SI SVEGLIA TARDI, CAGLIARI CORSARO A BERGAMO



wordpress stat