| categoria: Roma e Lazio

Olimpiadi, Marino nomina consulente straordinario: è il catalano Truno

Sarà il catalano Enric Truno y Lagares il consulente strategico chiamato dal sindaco di Roma, Ignazio Marino, per portare Roma alla candidatura olimpica per il 2024. Truno, 64 anni, ingegnere, è stato assessore del Comune di Barcellona tra il 1979 e il 1998 e si è occupato dell’organizzazione delle Olimpiadi del 1992 nella metropoli catalana. In Italia ha già lavorato per la candidatura di Torino alle Olimpiadi Invernali del 2006. Ha, inoltre, lavorato alla candidatura per le Olimpiadi di Sydney (2000), Salt Lake City (2002) e Vancouver (2010). Percepirà 37 mila euro – diaria compresa – per un incarico che durerà fino al 15 settembre 2015, termine deadline per presentare ufficialmente le candidature per i giochi olimpici.

“La parola chiave del progetto per la candidatura olimpica della Capitale è Roma” ha esordito Truno. “Dopo un’esperienza di 19 anni al Comune di Barcellona nel periodo olimpico, posso dire che per noi la cosa fondamentale era l’opportunità per la città. Ora bisogna capire quali sono le strategie della città di Roma per una possibile candidatura e allineare questo percorso alla crescita della città. L’importante non è l’immagine ma i contenuti, la soluzione dei problemi della città e se una città sa vincere una sfida così grande, come quella di vincere i Giochi, la sua autostima cresce. A questo servono i Giochi – ha aggiunto l’ingegnere catalano – a far crescere la città e cambiare la propria mentalità”. “Vogliamo pensare bene ogni impianto, il suo peso anche per il dopo-giochi. È fattibile e ce la faremo” ha poi detto Truno. “Non dobbiamo puntare sul dare di più di altri ma pensare a uno stile di lavoro fatto bene con alle spalle la cultura di Roma”, ha concluso, “a Barcellona c’era un sindaco e una squadra e anche a Roma si deve fare questo. Se la città non è in grado di coinvolgere le associazioni civiche, i sindacati, i cittadini, non ce la faremo. Sono felice e coinvolto”.

Quanto ai tempi, “oggi istituiamo una cabina di regia per portare Roma alla candidatura olimpica per il 2024” ha spiegato l’assessore capitolino con delega ai Grandi Eventi Alessandra Cattoi al termine della giunta dedicata ai Giochi. “Iniziamo un percorso per tracciare, nei 4-5 mesi che ci separano dal mese di settembre (quando le candidature dovranno essere ufficializzate), le linee strategiche perché pensiamo che le Olimpiadi non sono l’obiettivo: l’obiettivo è lo sviluppo della città da oggi al 2025, quando ci sarà un altro Giubileo”, ha detto Cattoi.

Sarà Risorse per Roma ad occuparsi degli aspetti tecnici sull’impiantistica e sul percorso urbano. Mentre non ci saranno assessori delegati ma saranno queli all’Urbanistica, alla Mobilità, ai Lavori pubblici, al Turismo, alla Cultura e allo Sport ad occuparsi in maniera congiunta dell’evento. “L’idea è di incontrare prima di tutto le forze politiche della maggioranza e i presidenti dei Municipi – ha detto – poi ci sarà un incontro con le forze della città con un appuntamento pubblico fra un paio di mesi in cui il sindaco illustrerà il progetto della città per arrivare a una condivisione più ampia, da parte di molti attori della città”.

Ti potrebbero interessare anche:

Fiaccolata per Simona a San Giovanni. Si chiude sul luogo del ritrovamento
PESCE D'APRILE: "Fiorito candidato sindaco ad Anagni"
Introvabili i due giovani rom assassini . I familiari assicurano: si consegneranno
Termini, scoperto autobus di linea abusivo: 15 euro da via Marsala a Castel Romano
AFFITTI ROMA/ M5S, nel 2015 il nostro esposto alla Corte dei Conti
Rogo a Monte Mario, fumo tossico su Roma Nord



wordpress stat