| categoria: Roma e Lazio

Immigrazione, l’assessore Danese avverte: a Roma i numeri sono già troppo alti

Roma - Francesca Danese, assessore alle Politiche sociali

Roma ha già dato molto in termini di accoglienza, troppo rispetto alle sue capacità. È questo uno dei punti emersi nel corso dell’incontro che c’è stato oggi in Prefettura a Roma dove si è riunito il Tavolo di coordinamento regionale per la gestione dell’afflusso di cittadini stranieri sbarcati sulle coste italiane. Ecco perchè si starebbe pensando anche di ridistribuire più equamente gli arrivi negli altri comuni del Lazio. All’incontro – presieduto dal Prefetto di Roma e convocato in base alle direttive ministeriali dettate per l’attuazione del ‘Piano nazionale straordinario di accoglienzà – hanno partecipato, tutti i Prefetti e i Questori del Lazio, nonchè i loro rappresentanti, nonchè gli assessori regionali e capitolini competenti, unitamente a rappresentanti dell’Anci e dell’Unhcr.

Nel corso della riunione sono state esaminate le problematiche inerenti l’organizzazione di adeguate misure atte a fronteggiare la quota di stranieri la cui accoglienza è stata affidata alle strutture insistenti sulla Regione Lazio in attuazione del predetto Piano Nazionale. «È stato riconosciuto da tutti i presenti il numero eccessivo di presa in carico a Roma di richiedenti asilo o di persone bisognose di protezione umanitaria», ha commentato l’assessore capitolino alle Politiche sociali Francesca Danese. Anche per questo è stato «oggetto di confronto la situazione dei centri di accoglienza attualmente attivi, alla luce anche delle iniziative in corso volte ad individuare nuove strutture da utilizzare allo scopo».

Di qui l’ipotesi di ridistribuire il numero degli arrivi di migranti anche in altri comuni del Lazio. Nel corso della riunione inoltre sono state discusse «le modalità attuative della struttura di primissima accoglienza, il cosiddetto hub, – fa sapere la Prefettura di Roma – che consentirà di gestire nell’immediatezza situazioni di criticità nell’afflusso dei migranti. Inoltre, è stato fatto un focus sulle procedure di monitoraggio della qualità dell’accoglienza in una prospettiva che vede il coinvolgimento delle organizzazioni umanitarie».

Ti potrebbero interessare anche:

Quel pasticciaccio brutto del teatro Valle, ostaggio da ottocento giorni
Arriva il Marino-bis con il superassessore alla legalità. L'incognita Pucci
Mafia, condannato Carmine Spada, 10 anni
La guerra dei cinghiali, controllarli spetta a Zingaretti
MEGLIO TARDI CHE MAI/ Il Comune scopre che migliaia di pass/disabili sono "scaduti"
Blocco traffico, stop ai diesel anche domani e giovedì



wordpress stat