| categoria: sanità, Senza categoria

Intramoenia per il 52% dei medici. Nel 2012 per il SSN 218 milioni di ricavi

Il 52% dei dirigenti medici (59 mila in totale) che lavorano nella sanità pubblica, ha esercitato nel 2012 l’attività di libera professione in intramoenia, ovvero le visite specialistiche a pagamento svolte però non privatamente. Il guadagno medio annuo è stato di 17.100 euro, in calo rispetto al 2011 (17.800). Mentre i ricavi per il Ssn nel 2012 sono stati pari a 218,2 mln, 42 mln in più dell’anno precedente. Il numero dei camici bianchi che visitano in intramoenia variano da Regione a Regione: superano il 60% nel Lazio, Valle d’Aosta, Liguria e Piemonte e, viceversa, toccano valori minimi in Regioni come la Sardegna (36%) e la Provincia Autonoma di Bolzano (13%). Sono i dati della Relazione sullo stato di attuazione dell’esercizio dell’attività libero-professionale intramuraria, riferito al 2012, presentato al Parlamento nel luglio scorso e pubblicato sul sito internet del ministero della Salute. Oltre il 59% dei medici esercita l’intramoenia all’interno degli spazi aziendali, il 24,3% lo fa al di fuori della struttura e il 16,3% la svolge sia all’interno che all’esterno delle mura aziendali. La stragrande maggioranza (circa l’82%) dell’attività libero-professionale svolta al di fuori degli spazi aziendali, viene esercitata nello studio privato del professionista ed in quasi la totalità delle Regioni tale modalità di esercizio della libera professione supera di gran lunga la forma in convenzione.

Ti potrebbero interessare anche:

SuperMario torna alla base ma non rinuncia a nulla
Cusani non ne azzecca più una, perde ancora davanti al Tar
Australian Open, semifinale per Bolelli e Fognini: "Ora vogliamo il titolo". Sfida Djokovi...
CRISI/ La miniera d'oro dell'acqua di cocco, un business da 5 miliardi di dollari
EDITORIA/ Quanto riuscirà a far male "La Verità" di Belpietro?
DAY AFTER/ UE, rispettiamo il voto ma avanti con le riforme



wordpress stat