| categoria: esteri

PROFILO/ Il “califfo” nero dell’Isis, l’uomo più pericoloso al mondo

Sulla sua testa gli Stati Uniti hanno messo una taglia di 10 milioni di dollari. Secondo il Time è “l’uomo più pericoloso al mondo”. Ecco chi è Abu Bakr al Baghdadi, il ‘Califfo’ nero dello Stato islamico (Isis), leader di decine di migliaia di miliziani qaedisti, che stanno mettendo a ferro e fuoco l’Iraq centro-settentrionale e la Siria.

LE GENERALITA’ – In realtà, del nuovo Bin Laden che terrorizza l’America si sa ben poco: è nato da una famiglia sunnita nel 1971 a Samarra, città simbolo dello sciismo. Il nome di battesimo è Awwad al Badri. L’epiteto attuale è composto dal nome di uno dei primi quattro califfi dell’Islam con l’aggiunta dell’origine geografica della città dove è cresciuto: Baghdad. I suoi agiografi su internet lo descrivono come “discendente dal profeta Maometto”, requisito necessario nel curriculum di ogni leader islamico che si rispetti.

LA “CARRIERA” – La carriera di quello che Le Monde ha definito “il nuovo Bin Laden” comincia alla periferia di Baghdad all’ombra dell’invasione anglo-americana del 2003. L’allora 32enne Awwad forma un gruppuscolo armato e si unisce alle formazioni jihadiste. Nel 2005 finisce nelle mani dei soldati americani. E passa quattro anni in una prigione nel sud della capitale: una circostanza che gli darà notorietà e legittimità. Ma anche una invidiabile rete di contatti nell’ambiente qaedista. Quando il 18 aprile del 2010 l’allora capo dello Stato islamico dell’Iraq – Abu Omar al Baghdadi – viene ucciso, i vertici della piattaforma nominano responsabile del gruppo Abu Bakr, da poco tornato in libertà. Un mese dopo, il 16 maggio, è proprio il nuovo leader ad annunciare la sua alleanza con al Qaida, guidata da Ayman al Zawahiri. Da allora Baghdadi comincia di fatto a sfidare l’autorità del medico egiziano, successore di Bin Laden (ucciso nel 2011) e rintanato sulle montagne tra Pakistan e Afghanistan. L’azione terroristica dello Stato islamico riprende vigore e il gruppo si stabilisce nella turbolenta regione di al Anbar, nelle regioni desertiche a ridosso del confine siriano. Con l’inasprirsi della guerra siriana nel 2013 e con il ritiro improvviso delle truppe del presidente Bashar al Assad dalle zone di Raqqa e dall’est di Dayr az Zor, alla frontiera con l’Iraq, per gli uomini di Baghdadi è un gioco da ragazzi risalire l’Eufrate e prendere Raqqa: quasi senza colpo ferire, proprio come è successo poi con Mosul.

LA ROTTURA CON AL QAIDA – Nell’aprile del 2013 Baghdadi rompe con al Qaida centrale e dichiara di avere una propria politica autonoma e fa uccidere in Siria l’arbitro inviato da Zawahiri per dirimere i contrasti con i qaedisti siriani. Forte di successi militari ancora inspiegabili contro eserciti descritti come i più potenti della regione, il credito di Baghdadi conquista ormai i cuori di migliaia di giovani disadattati di mezzo mondo in cerca di una ragione per vivere e morire.

Ti potrebbero interessare anche:

Pakistan: attacco a hotel, uccisi 10 turisti stranieri
USA/La Casa Bianca prova gli smartphone: Obama potrebbe abbandonare il suo blackberry
FRANCIA/Al voto: Parigi sceglie il sindaco, e' sfida tra donne
GRECIA/ Nuova corsa al bancomat, ritirati 300-400 milioni
Renzi a Cuba da Raul, Italia coglie una svolta storica
DIETRO I FATTI/ Italia-Germania, basta stereotipi, per l’ambasciatore Elbling “siamo famiglia”



wordpress stat