| categoria: Dall'interno, Senza categoria

Terrorismo/ Cellula di Al Qaida, via agli interrogatori

Era a Peshawar il 28 ottobre 2009 quando un’auto bomba al mercato uccise 100 persone, forse si trovava a pochi metri di distanza proprio nel momento dell’esplosione assieme ad altri terroristi. Sono iniziati da Yahya Khan Ridi, di 37 anni, afghano, gli interrogatori dei dieci stranieri arrestati. Sono accusati a vario titolo di strage, associazione a delinquere finalizzata al terrorismo e all’immigrazione clandestina. Avrebbero fatto parte di una cellula terroristica legata ad Al Qaida con ramificazioni in Sardegna, Lazio, Marche e Lombardia. Un personaggio chiave, Yahya Khan Ridi, secondo gli inquirenti, accusato di aver organizzato ed essere uno degli esecutori materiali della strage al mercato di Peshawar. Il pm cagliaritano Danilo Tronci e il gip Giorgio Altieri, arrivati appositamente a Foggia dove il 37enne e’ detenuto, lo hanno sentito per cinque ore. L’interrogatorio e’ stato secretato. Il ruolo dell’afghano, secondo gli inquirenti, e’ importate per ricostruire sia la strage che il trasferimento di denaro dall’Italia ai gruppi terroristici. Khan Ridi, in base alle indagini, si trovava in Pakistan il giorno della strage al mercato di Peshawar. In alcune intercettazioni telefoniche si parla chiaramente del suo ruolo. Imitias Khan, di 40, pakistano arrestato a Olbia parla di lui al telefono addossandogli in qualche modo le colpe della strage e criticandolo per i rischi corsi. “Yahya e’ troppo bastardo! Lui e’ un afghano, quando stava dando i soldi in Pakistan io gli ho detto di non fare questa cosa – si legge nelle intercettazioni riportate dal Gip nell’ordinanza -. Io con Yahya non ho fatto questo e gli ho detto di non farlo li’ ci stava ammazzando hai capito?… Siamo riusciti a prendere i soldi da Yahya, abbiamo visto la morte vicina abbiamo giocato con la morte”. Per quell’attentato Yahya Khan Ridi avrebbe preso 50-60 mila euro. Pochi giorni prima in Pakistan si trovava anche il capo della comunita’ pakistana a Olbia, Sultan Wali Khan, accusato assieme ad altri di aver pianificato e organizzato nella citta’ gallurese l’attentato. Ma e’ solo una delle azioni terroristiche contestate alla cellula. In una serie di sms intercettati inviati da una persona non identificata all’imam di Bergamo e Brescia, Hafiz Muhammad Zulkifal, vengono elencati quasi tutti. “Noi abbiamo fatto un attentato con successo al posto di blocco della Polizia a Charsada. Abbiamo lanciato le granate su Swat in quello loro … e due sue persone sono state ferite – si legge nell’ordinanza -. Noi abbiamo fatto un attentato con successo in Dera Murad Jamali e abbiamo spedito tre persone all’inferno”. Martedi’ saranno interrogati ad Olbia i tre pakistani arrestati, tra questi Sultan Wali Khan considerato uno degli elementi di spicco della cellula.

Ti potrebbero interessare anche:

La carica dei grillini: familiarizzano nel bunker dell'albergo in attesa del leader e di Casaleggio
Scelta Civica propone a Renzi la "Cosa bianca" come alleata per le amministrative
Il Papa su Vatileaks2: "Continuerò l'opera di pulizia iniziata da Ratzinger"
Bimba uccisa, la mamma delle amiche tenta il suicidio
Bimbi ansiosi se i genitori sono perfezionisti e invadenti
NUOVE APERTURE: ACHILLI LANCIA IL SECONDO RISTORANTE ROMANO AL D.O.M HOTEL



wordpress stat