| categoria: esteri

TERRORISMO/ Mare sicuro, cinque navi italiane in campo per proteggere piattaforme e mercantili

L’area di operazioni sarà il Mediterraneo centrale, con baricentro le acque prospicienti la Libia: è in quella zona che opereranno le cinque navi italiane, gli elicotteri e gli aerei di ‘Mare Sicuro’. Tra i compiti assegnati al dispositivo aeronavale, si apprende da fonti qualificate, «la protezione delle linee di comunicazione, dei natanti commerciali e delle piattaforme off-shore nazionali», la «sorveglianza delle formazioni jihadiste» e «la raccolta delle informazioni». L’attività delle forze italiane (tra cui le navi ‘Durand De La Penne’, ‘Duilio’, ‘Bergamini’ che avrà il ruolo di ‘flag ship’, ‘Comandante Bettica’ e ‘Bersagliere’ si va ad aggiungere «a quanto ordinariamente viene fatto dalla Marina Militare, sorveglianza e sicurezza marittima», fanno notare le stesse fonti. Il dispositivo sarà articolato con unità navali, team militari di protezione marittima, aeromobili ad ala fissa e rotante, velivoli a pilotaggio remoto e da ricognizione elettronica. Il tutto è integrato nell’operazione alla quale è stato dato il nome di ‘Mare Sicuro’, anche per analogia con l’operazione sul territorio battezzata ‘Strade Sicure’e finalizzata alla sorveglianza degli obiettivi sensibili a rischio di attentato terroristico.

Ti potrebbero interessare anche:

FRANCIA/ Hollande, boom di vendite per il settimanale closer: già in ristampa
UCRAINA/ Ue, accordo per nuove sanzioni contro Mosca
Israele, terzo giorno di scontri con i palestinesi nella spianata delle moschee
Esplosione su un bus a Gerusalemme, almeno 20 feriti
Belgio e Olanda,confini cambiati 'senza sparare un colpo!'
Siria: autobomba nel nord, 60 morti



wordpress stat