| categoria: sport

SERIE A/ Juve A un punto dallo scudetto , Parma in B, Milan crac

Le mani della Juve sullo scudetto. Una doppietta di Tevez trafigge la Fiorentina nel turno infrasettimanale confezionando un 3-2 con gli alti e bassi di Gonzalo Rodriguez che segna il primo rigore e ne sbaglia un altro. Per la matematica bisognerà aspettare un punto perchè la Lazio in 6′ segna tre gol al Parma decretandone la matematica retrocessione con poker finale servito da Keita. Resta aperto il discorso Champions perchè la Roma risponde vincendo 3-0 in casa del Sassuolo col primo gol di Doumbia , una perla di Florenzi e il sigillo di Pjanic, in attesa del posticipo Empoli-Napoli. Nel giorno che decreta probabilmente la fine dell’era Berlusconi con la trattativa avanzata col magnate thailandese Bee e un’offerta di 500 milioni per il 51% del club, i rossoneri sprofondano in casa lasciandosi superare 3-1 da un Genoa in odore di Europa League. In chiave retrocessione una doppietta di Pinilla, che gioca al posto dello squalificato Denis, impedisce al Cesena di guadagnare tre punti fondamentali in chiave salvezza. Il Cesena si deve accontentare del 2-2 e le speranze sfumano. Anche il Cagliari spreca la possibilità di riportarsi a galla perdendo 1-0 in casa del Chievo. Due pareggi divertenti nelle ultime due gare: 2-2 tra Palermo e Torino, 1-1 tra Samp e Verona col 18/o gol di Toni. Spumeggiante il turno infrasettimanale con 27 gol stasera più i tre di ieri e la salute dimostrata dalle prime della classe. La Juve riscatta il ko nel derby maltrattando la Fiorentina che era andata in vantaggio. La classe e l’abilità chirurgica di Tevez, che guida la classifica cannonieri con 20 gol, fanno la differenza. In chiave Champions vincono abbondantemente Lazio e Roma e i riflettori si accendono sui giallorossi che dopo mesi di stenti piazzano un 3-0 perentorio che dà fiducia, scaccia i fantasmi e promette un finale pirotecnico. Si prepara uno dei derby più caldi di sempre. Malinconico tramonto per il Milan berlusconiano che nel giorno del possibili cambio societario decreta il probabile ultimo passo di Pippo Inzaghi. Una squadra imbarazzante, in caduta libera, che si fa infilare da un Genoa condotto per mano da Bertolacci, che si avvicina al traguardo dell’Europa League. Ora in prospettiva europea sono messe bene il Genoa e anche la Samp, nonostante non riesca a superare il Verona di Super Toni. Giochi fatti in chiave salvezza. Parma, Cesena e Cagliari si apprestano a salutate, l’Atalanta con una doppietta di Pinilla si aggrappa alla serie A.

Ti potrebbero interessare anche:

Juve-Roma. Rocchi ammette le sue colpe: potevo fare di meglio
Fiorentina festeggia all'89' con un gol contestato
Calcio, pugni e insulti razzisti allo stadio. Al derby dei pulcini
Spalletti amaro, così ci facciamo male
INTER ESPUGNA ROMA 3-1, DOPPIETTA DI ICARDI
C'è solo il Napoli, 4-1 alla Lazio



wordpress stat