| categoria: politica

Aboliti i vitalizi ai condannati, via libera di Camera e Senato

Gli uffici di presidenza di Camera e Senato hanno approvato la delibera proposta dai presidenti dei due rami del Parlamento, Pietro Grasso e Laura Boldrini, sullo stop ai vitalizi per i parlamentari condannati in via definitiva, per i reati di particolare gravita’. Hanno votato a favore: Pd, Sel, Scelta Civica, Fratelli d’Italia e Lega, anche se quest’ultima considera “blande” le misure contenute nel documento. Non hanno partecipato al voto Forza Italia, M5S e Ap, anche se gli esponenti di Ncd e Udc pur non partecipando al voto sono rimasti in Aula, mentre azzurri e grillini sono usciti fuori al momento del voto.

Le misure contenute nella delibera entreranno in vigore “il sessantesimo giorno successivo alla data della sua approvazione” quindi non prima di due mesi. Dunque, le misure saranno operative non prima di due mesi e la Camera svolgera’ “degli accertamenti” caso per caso sulla sussistenza delle condizioni previste dalla delibera stessa.
Le norme, viene specificato nel testo, non sono retroattive. Dunque, “per i deputati cessati dal mandato e gia’ condannati in via definitiva, la cessazione dell’erogazione dei vitalizi decorre dal momento dell’entrata in vigore della presente deliberazione”.

M5S NON VOTA E DICE NO A “PORCATA”. STUPORE PD = “Non partecipiamo al voto. Questa porcata se la votano da soli”, afferma Luigi di Maio, vice presidente della Camera ed esponente del Movimento 5 Stelle, lasciando la riunione dell’ufficio di presidenza di Montecitorio, prima del voto che ha approvato la delibera. Un atteggiamento che suscita lo stupore del Pd: “E’ stata approvata una proposta equilibrata.
M5S mirava a far saltare l’approvazione della delibera oggi per passare all’esame in sede legislativa, con tempi piu’ lunghi.
Un atteggiamento che stupisce – ribadisce Anna Rossomando – perche’ e’ contradditorio, viste le pressioni che avevano fatto in tutti questi mesi”.
Forza Italia, che non ha partecipato al voto, era favorevole alla via legislativa e non alla delibera, mentre Area popolare – che non ha votato ma e’ rimasta presente alla riunione – ha spiegato: “nella sostanza siamo d’accordo, ma nella forma non vogliamo sostituirci ai costituzionalisti.
Piuttosto stupisce che su una materia cosi’ controversa ci sia stata questa accelerazione… Forse e’ l’approssimarsi del voto regionale”, osserva Ferdinando Adornato.

ECCO LE NUOVE NORME SUI VITALIZI = La delibera introduce misure per la ‘cessazione dell’erogazione di vitalizi e pensioni a favore di deputati cessati dal mandato che abbiano riportato condanne definitive per reati di particolare gravita”. Tra i reati ricompresi, quelli gravi come mafia e terrorismo, la maggioranza dei reati contro la Pubblica Amministrazione: peculato, concussione, violazione del segreto d’ufficio, ad eccezione del reato di abuso d’ufficio, che al contrario non e’ ricompreso. Per i reati minori, invece, perche’ scatti la cessazione dell’erogazione del vitalizio, occorre che vi sia stata una “condanna definitiva con pene superiori a due anni di reclusione per delitti non colposi, consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a sei anni”.
La delibera prevede all’articolo 1: “E’ disposta la cessazione dell’erogazione dei trattamenti previdenziali erogati a titolo di assegno vitalizio o pensione a favore dei deputati cessati dal mandato che abbiano riportato, anche attraverso” il patteggiamento a) condane definitive a pene superiori a due anni di reclusione per i delitti, consumati o tentati, previsti dall’articolo 51, commi 3-bis e 3-quater del codice di procedura penale (mafia e terrorismo) e dagli articoli da 314 a 322-bis, 325 e 326 del codce penale (reati copntro la P.A. Come peculato e concussione); b) “condanne definitive con pene superiori a due anni di reclusione per delitti non colposi, consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a sei anni, cosi’ determinata ai sensi dell’articolo 278 del codice di procedura penale”.
Le norme contenute nella delibera “non si applicano agli assegni e pensioni di reversibilita’ spettanti ai familiari superstiti, laddove il deputato cessato il suo mandato sia deceduto in data anteriore all’entrata in vigore” della delibera.
Infine, le misure “sono adottate dall’Ufficio di presidenza previo accertamento dei relativi presupposti” e “non si applicano qualora sia intervenuta la riabilitazione”. Se riabilitato, al deputato viene ripristinata l’erogazione dei vitalizi “con decorrenza dalla data dell’istanza di riabilitazione”.

Ti potrebbero interessare anche:

M5S apre il caso Tv-Talk e promette "Rinnoveremo la tv pubblica"
Renzi: proporzionale? Idea che non passera'
Grillo ai suoi: 'Incontro col Pd giovedì, oggi la nostra risposta'
Ok del Pd al taglio dei vitalizi ai condannati, si sblocca l'impasse
Unioni Civili, la Sinistra Pd attacca: 'Basta stare zitti'
Europee, Meloni capolista in tutta Italia. Fitto al Sud



wordpress stat