| categoria: Roma e Lazio

La “Beirut dell’Eur” ha una speranza. Marino: le torri rivivranno e ci andrà Telecom

“Il recupero delle Torri di Ligini, che diventeranno la sede di Telecom, rappresenta il primo passo per il rilancio dell’Eur, un quartiere dalle grandi potenzialità turistiche a vocazione congressuale completamente abbandonato e svilito dalla passata amministrazione di centrodestra e da una gestione inadeguata della partecipata Eur spa. In questo quadrante della città il cambio di passo rispetto al passato è evidente e lo dimostra il rispetto degli impegni assunti sulla riqualificazione delle Torri delle Finanze per cui occorre rendere merito all’assessore capitolino Giovanni Caudo e alla diligenza delle amministrazioni che governano questa città”. Lo ha dichiarato Andrea Santoro, presidente del Municipio IX. La svolta arriva improvvisa, fino a poco tempo fa quelle che vengono definite la “Beirut dell’Eur”, per il sinistro aspetto degli edifici che sembrano usciti da un bombardamento, sembravano destinate a rimanere lì, come monumento e monito di un cattivo modo di gestire le cose. Invece pare che le Torri potranno tornare a nuova vita: 65.000 mq. saranno recuperati per la nuova sede centrale di Telecom. “Questa mattina- spiega l’assessore alla Trasformazione urbana Giovanni Caudo- nell’incontro con il responsabile di Telecom Italia, dottor Carlo De Martino, e di CDP immobiliare, proprietario dell’immobile, dottor Giovanni Paviera, abbiamo ufficializzato l’avvio del progetto di recupero che avrà una valenza non solo edilizia ma anche urbana. Lunedì ci sarà già il primo incontro tecnico. L’obiettivo è aprire i cantieri entro l’anno. Un progetto che sana una ferita e rilancia il quartiere dell’E42. Cancellare un paesaggio tristemente noto per lo stato di abbandono e degrado, era l’impegno preso dal sindaco Marino in campagna elettorale, promessa mantenuta”. Quando meno di due anni fa sono arrivato in Campidoglio, le torri di Ligini all’Eur erano diventate sinonimo di abbandono: scheletri di grattacieli svuotati e rimasti lì come ruderi moderni, insieme alla Nuvola e al centro congressi arenato e senza risorse. Ora grazie al mio impegno e a quello della Giunta le cose si stanno rimettendo in movimento: le torri di Ligini diventeranno presto un cantiere e si trasformeranno nel centro logistico di Telecom”.Lo ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino, a margine di un convegno a Palazzo Valentini. “Insieme al Tesoro- ha spiegato Marino- stiamo lavorando perchè ci siano le risorse necessarie a completare la Nuvola e per dare alla città quel centro congressi capace di attrarre turismo congressuale completando uno degli edifici contemporanei più ammirati a livello internazionale. Ringrazio quanti hanno lavorato per questo risultato, cominciando dall’assessore all”urbanistica Giovanni Caudo. Questo era uno degli impegni che ci eravamo presi durante la campagna elettorale e lavorando sodo, superando mille problemi lasciati marcire negli anni precedenti, ci siamo riusciti. Questo vuol dire riqualificazione, lavoro e un quartiere e una città migliori”.

Ti potrebbero interessare anche:

L'Assessore Valente: nessuno deve rimanere disoccupato per più di un anno
Armati di mazze da baseball, nella notte il raid contro un gruppo di immigrati: tre feriti e un arre...
Bulli allo Chateaubriand: l'ambasciata sapeva, ha messo tutto a tacere
CAMPIDOGLIO/ L'aula sceglierà il nuovo vice della Raggi, in pole Colomban
Choc a Napoli, carabiniere si uccide in tribunale con un colpo di pistola
Tivoli, si gettano dal cavalcavia della A24: morti due gemelli di 55 anni



wordpress stat