| categoria: politica, Senza categoria

FOCUS/ Minoranza Pd offre una sponda, prove di dialogo sul reddito di cittadinanza

Presto per dire se sul reddito di cittadinanza potrà saldarsi un asse tra la minoranza Pd ed i grillini. Di certo oggi – dopo un primo schizzinoso rifiuto di Beppe Grillo alle aperture movimentiste della minoranza dem – c’è un abbozzo di dialogo. E persino il ministro Maria Elena Boschi è costretto a rincorrere con dichiarazioni possibiliste, per non lasciare il governo fuori dalla partita: «Il confronto con gli M5s c’è sempre stato e ben volentieri lo faremo anche su altri temi; mi sembra che la chiusura sia sempre stata finora da parte loro». Ma il fatto nuovo è la minoranza Pd, durante la marcia grillina da Perugia ad Assisi per il reddito di cittadinanza, tende la mano e i pentastellati non disdegnano. «Apriamo subito un tavolo di lavoro sul reddito minimo. Sulla lotta alla povertà contano i fatti, non servono le bandierine di parte», apre l’ex capogruppo Pd Roberto Speranza. Dapprima Beppe Grillo lo snobba. «Non commento il nulla. Sarebbe un tavolo di lavoro con i cassintegrati della cultura politica: sono 20 anni che promettono e non hanno combinato nulla», non si lascia sfilare il progetto. Ma poi l’apertura di Luigi Di Maio lascia capire – dopo la maratona di oggi – che i grillini potrebbero continuare la loro marcia sul reddito minimo per i senza lavoro con la minoranza dem e la sinistra movimentista. «Basta che non si snaturi la cifra, siamo disposti al dialogo – assicura Di Maio – 780 euro è il livello minimo, secondo gli istituti di ricerca, per non scendere al livello di povertà. Se non si tocca questa cifra siamo disposti a qualunque dialogo». Preoccupato di rivendicare una primogenitura anche Nichi Vendola, leader di Sel: «Ora insieme in Parlamento possiamo vincere la battaglia di dignità per il reddito minimo: ci sono i numeri per approvare la legge. Noi ci siamo e siamo pronti». E Nico Stumpo, di Area Riformista, apre al dialogo per un risultato concreto: «Abbiamo già proposto – afferma – un percorso concreto per dare vita al reddito minimo». Per il Pd Edoardo Patriarca quella di Grillo è invece solo propaganda elettorale, visto che da tempo i dem lavorano alla questione: «I profeti dell’ultima ora non servono e soprattutto creano una falsa speranza». Apre invece Pino Pisicchio, presidente dei deputati del gruppo Misto: «Pronti a confrontarci sul tema sensibile del reddito di cittadinanza, che non è un’eresia vetero-comunista, ma una strada concreta di nuova declinazione del welfare ai tempi della grande crisi

Ti potrebbero interessare anche:

Blitz contro trafficanti di somali, 55 arresti
Si cercano cinque feti nella casa dell'orrore di Cleveland
Pesce azzurro fonte di salute anche in conserve
Striscia la notizia, torna Ezio Greggio con la Hunziker
La campagna di Renzi sbarca a Roma, una sede da 4mila euro al mese a due passi da Montecitorio
Un altro ex comico in politica, Giobbe Covatta eletto portavoce dei Verdi



wordpress stat