| categoria: sport

F1 SPAGNA/ Passo indietro Ferrari, non bastano un terzo e un quinto posto

Un podio e un quinto posto che non soddisfano la Ferrari che nel Gran Premio di Spagna ha dovuto assistere al monologo della Mercedes che aumentato il gap a dispetto delle attese. «Il divario con la Mercedes – analizza il team principal della scuderia di Maranello, Maurizio Arrivabene – c’è e dobbiamo analizzare i nostri dati per capirne i motivi. Non siamo ciechi e abbiamo visto che solo nel terzo settore, dove conta la trazione, perdevamo circa mezzo secondo. Dobbiamo capire se questo dipende dalla natura della pista o da qualcosa che abbiamo fatto noi. Quanto alle strategie di gara, abbiamo fatto una scelta aggressiva mettendo Sebastian sulle due soste: se avessimo deciso per tre cambi gomme le cose non sarebbero cambiate, se non in peggio». Gli uomini del Cavallino Rampante si aspettavano di avvicinare ancor di più le Mercedes ma così non è stato: «I numeri – aggiunge Arrivabene come riporta il sito media della Ferrari – ci dicono che le nuove soluzioni funzionano, la realtà mostra che non funzionano abbastanza. Un passo avanti lo abbiamo fatto, ma avrebbe dovuto essere un salto. Non punto il dito contro nessuno in particolare, mi prendo le mie responsabilità. Dobbiamo lavorare di più». Ad ammettere una certa delusione nonostante il podio è lo stesso Vettel che però si aspetta una svolta nelle prossime gare: «In generale penso che il terzo posto sia il massimo che ci potessimo aspettare, considerando il nostro passo gara. Non credo che ci fosse niente di sbagliato nella macchina: non è stato sicuramente uno dei nostri week-end migliori in termini di competitività, ma penso dipenda in grande misura dalle condizioni della pista piuttosto che da qualcosa che non funziona sulla monoposto. Per una serie di ragioni – prosegue il pilota tedesco della Ferrari – non siamo stati vicini alle Mercedes come avremmo voluto, ma sono sicuro che tra un paio di gare avremo raggiunto il nostro obiettivo. Abbiamo adottato la strategia delle due soste perché ci sembrava la migliore date le circostanze: dobbiamo semplicemente accettare il fatto che oggi la Mercedes è stata la miglior squadra in pista. Sappiamo di essere ancora lontani da loro – conclude Vettel – ma stiamo lavorando duramente per colmare il distacco e penso che stiamo andando nella giusta direzione». Kimi Raikkonen: «Tutto sommato questo è stato un fine settimana difficile, ma non certo un disastro e abbiamo imparato molte cose. In gara oggi siamo riusciti a guadagnare qualche posizione, ma non mi sentivo a mio agio con la monoposto, che scivolava sull’asfalto. Oltre a questo, qualsiasi sia il motivo, riusciamo a riprendere le Williams ma sorpassarle è sempre difficile. Sui rettilinei sono molto veloci e una volta che arriviamo dietro di loro, la nostra macchina diventa difficile da guidare, molto più di quanto capita seguendo altre vetture doppiate. Quanto alla scelta di utilizzare parti del ‘vecchio’ pacchetto aerodinamico, penso che per tutti noi sia stato utile poter mettere a confronto in pista le due configurazioni; io ero preparato a correre il rischio. Forse sarebbe andata meglio con l’aerodinamica nuova, anzi probabilmente è così, ma almeno adesso lo sappiamo. Quindi, per le prossime gare, dobbiamo lavorare meglio e avere week-end senza problemi, neanche piccoli, per far sì che tutto funzioni. Sappiamo dove dobbiamo migliorare». È di un terzo e un quinto posto il bilancio finale della Ferrari nel Gran Premio di Spagna, disputato oggi sul Circuito di Catalunya. Dopo aver occupato la seconda posizione nella prima metà della corsa – poi ceduta a Lewis Hamilton dopo il secondo pit-stop – Sebastian Vettel ha tagliato il traguardo in terza posizione, controllando a distanza Valtteri Bottas. La Williams del finlandese è stata l’obiettivo finale di Kimi Raikkonen, scattato settimoal via ed autore di uno spettacolare primo giro che lo ha visto recuperare due posizioni. Kimi ha recuperato terreno fino a portarsi nella scia di Bottas, ma nei giri finali non ha avuto l’opportunità di superare il connazionale. La vittoria è andata a Nico Rosberg.

Ti potrebbero interessare anche:

Super proposta a Conte, biennale da 4,5 milioni, coordinatore di tutte le nazionali
Schumaker ridotto a meno di 45 chili, miracolo ancora possiibile?
Gattuso torna ad allenare il Pisa, tifosi in delirio
Juventus: Buffon, rischio squalifica a fine carriera
SASSUOLO SHOW, BABACAR-BOATENG ABBATTONO GENOA
MERCATO: MURIEL COLPO ATALANTA,IL MILAN PESCA IN SPAGNA



wordpress stat