| categoria: gusto, Senza categoria

VINO/ Arriva “Villa Festival” del prosecco di Valdobbiadene

– Un’esperienza culturale e sensoriale a tutto tondo quella che si preannuncia con ‘Vino in Villa Festival’, l’evento itinerante, organizzato dal Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, che si terrà quest’anno dal 14 al 17 maggio, toccando le località trevigiane di Conegliano (il 14 maggio), Pieve di Soligo (il 15) e Valdobbiadene (il 16), con un gran finale domenica 17 maggio al Castello di San Salvatore di Susegana, dove si terranno il banco d’assaggio con oltre 300 etichette dell’ultima vendemmia del Prosecco Superiore, presentata dai produttori, e una serie di appuntamenti culturali, tra cui il concerto sotto le stelle con Enrico Rava e Tiziano Scarpa. La tradizionale manifestazione di ‘Vino in Villa’, che storicamente occupava una sola giornata di maggio, si trasforma in un vero e proprio festival, «una festa del pensiero e dei sensi – per dirla con le parole del suo curatore Massimo Donà – dove il visitatore sarà guidato a una sorprendente riscoperta di una terra che trasuda storia, cultura, tradizioni, bellezza ed eccellenze enogastronomiche». «’Vino in Villa Festival’ sarà una vetrina per il nostro territorio, che si è affermato nel mondo come sinonimo di qualità» afferma Innocente Nardi, presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore.
«L’evento – prosegue – permetterà di degustare la nuova annata del Prosecco Superiore e, per la prima volta, diventerà itinerante, unendo vino, musica, filosofia e arte. Questo progetto, che ha coinvolto le amministrazioni comunali e le associazioni, ha l’obiettivo di promuovere la zona del Conegliano Valdobbiadene, dal punto di vista enologico, turistico e artistico e di valorizzarne il grande patrimonio culturale composto da nomi come Giambattista Cima, Marcantonio Flaminio, Lorenzo Da Ponte, il Toniolo e Andrea Zanzotto». Esplorare il tema ‘Al di qua e al di là del limite’ sarà la sfida di questa edizione, che – sotto la guida di Massimo Donà – intreccerà ancora più fittamente cultura e vino, offrendo la parola a voci di spicco del mondo della scienza, della letteratura, della fotografia, dell’arte, della musica e della cultura in generale. Come rivela lo stesso Donà, «il tema scelto è volutamente ambiguo, ma anche fortemente evocativo della sfida che il vino ha sempre costituito per l’essere umano: da un lato, invito a conoscersi meglio, a perlustrare gli sconosciuti territori dell’anima, ma dall’altro anche prova per saggiare il limite oltre cui la propria identità rischia di perdersi e naufragare». Sarà, insomma, un vero e proprio simposio contemporaneo quello che andrà in scena a maggio nelle affascinanti colline, candidate a patrimonio Unesco, che si estendono da Conegliano a Valdobbiadene.
A sottolineare l’importanza di questo appuntamento è il suo inserimento nell’ambito del progetto ‘Da Expo ai Territori’, della Regione Veneto. Ad evidenziare il valore del Prosecco Superiore è anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia: «Il sistema del Prosecco, Doc e Docg, è un’enorme ricchezza. Il livello di produzione raggiunto ne fa la Doc più grande d’Italia e del mondo, l’espressione più immediata ed efficace di quel binomio vino-territorio che il Veneto propone come una delle sue caratteristiche a maggior valore aggiunto anche in occasione dell’Expo». «L’affermazione del Prosecco che si registra ora sui mercati internazionali – sottolinea il presidente Zaia – è il giusto riconoscimento per tutti i produttori delle zone storiche, che per decenni hanno lavorato con serietà e determinazione per affinare e far conoscere le qualità di questo vino. Possiamo dire che il Prosecco è diventato il simbolo della qualità del territorio veneto. In un mercato sempre più globalizzato, qualcuno potrà anche cercare di imitarlo, ma il percorso e il contesto culturale in cui è nato ed è cresciuto sono unici e inimitabili, sono la sua forza».A sottolineare l’importanza di questo appuntamento è il suo inserimento nell’ambito del progetto ‘Da Expo ai Territori’, della Regione Veneto. Ad evidenziare il valore del Prosecco Superiore è anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia: «Il sistema del Prosecco, Doc e Docg, è un’enorme ricchezza. Il livello di produzione raggiunto ne fa la Doc più grande d’Italia e del mondo, l’espressione più immediata ed efficace di quel binomio vino-territorio che il Veneto propone come una delle sue caratteristiche a maggior valore aggiunto anche in occasione dell’Expo». «L’affermazione del Prosecco che si registra ora sui mercati internazionali – sottolinea il presidente Zaia – è il giusto riconoscimento per tutti i produttori delle zone storiche, che per decenni hanno lavorato con serietà e determinazione per affinare e far conoscere le qualità di questo vino. Possiamo dire che il Prosecco è diventato il simbolo della qualità del territorio veneto. In un mercato sempre più globalizzato, qualcuno potrà anche cercare di imitarlo, ma il percorso e il contesto culturale in cui è nato ed è cresciuto sono unici e inimitabili, sono la sua forza».

Ti potrebbero interessare anche:

Bellezza: al sud impazza il peeling, al nord trionfa tossina botulinica
"Parentopoli" in Provincia a Latina: indagati 40 dipendenti e 5 funzionari
Forza Italia caos. E Berlusconi respinge le dimissioni dei suoi colonnelli
NOCOMMENT/ Boldrini scrive alla Lorenzin sulla chiusura del punto nascite a Fabriano
Vendola emigra in Canada per difendere la sua nuova famiglia
SINA Chefs’ Cup Contest/ MUSICA NEL PIATTO



wordpress stat