| categoria: In breve

Ladispoli, uccide per sbaglio il ragazzo della figlia

20 anni ed è stato ucciso a Ladispoli con un colpo di pistola dal papà della sua ragazza, un luogotenente della Marina militare che prestava servizio a Roma. La vittima è Marco Vannini, di Cerveteri, il padre della fidanzata è Antonio Ciontoli di 48 anni, ora in stato di fermo: si dovrà difendere dall’accusa di omicidio colposo. Ma è un giallo ancora tutto da chiarire quanto è accaduto nella villetta di via Alcide De Gasperi. Forse quel colpo è partito accidentalmente dalla pistola, una calibro nove di tipo corto che Ciontoli, a quanto pare con regolare porto d’armi, stava pulendo nel salone.

Ed il proiettile si è conficcato nella spalla sinistra del giovane nella villetta insieme a Martina, la sua fidanzata, perché i due si amavano e il cerveterano, attualmente bagnino in uno stabilimento di Ladispoli, avrebbe passato la notte con lei, come tante altre volte. Nella casa era presente anche la moglie del militare. Da quanto trapela subito dopo lo sparo, avvenuto attorno alle 23.30 di domenica, sarebbe partito il primo allarme al 118 dalla casa di via De Gasperi. Chiamata invece poi misteriosamente annullata. Infine una nuova richiesta di aiuto al 118 un’ora dopo circa, ed il viaggio disperato di Marco verso l’ospedale, in eliambulanza.

Ti potrebbero interessare anche:

Latina, animali maltrattati: la Forestale chiude il Safari Park
Roma-Napoli, spunta l'ipotesi della inversione di campo
Tragico sbarco a Scicli, sette scafisti (siriani) arrestati
Bologna, minori in coma etilico. Festini nella sede del Pd?
Del Favero dal 19 marzo alla direzione dell'ISS
UCRAINA/ Si combatte a Donetsk, ok di Kiev alle sanzioni contro Mosca



wordpress stat