| categoria: sanità

ISTAT/ Un cittadino su dieci rinuncia a curarsi. Di più al Sud

Troppe differenze regionali nella sanita’: complessivamente arriva a 9,5% la quota di persone costrette a rinunciare ad una prestazione sanitaria, percentuale che scende al 6,2% nel Nord-ovest e sale al 13,2% nel Mezzogiorno. È quanto si afferma nel rapporto annuale Istat per il 2015. «Il grado di soddisfazione espresso dai cittadini per il Ssn, soprattutto per quanto riguarda l’accessibilità ai servizi, è più basso fra i residenti del Mezzogiorno, ad eccezione di alcune realtà della Puglia e della Sardegna, a conferma di una variabilità intra-regionale già evidenziata in precedenza». Questi squilibri, secondo l’Istat, possono essere alla base del deficit finanziario delle Regioni e della difficoltà delle stesse a garantire i livelli essenziali di assistenza, previsti dal titolo V della Costituzione e dal decreto legislativo sul federalismo fiscale. Un’altra componente dell’equità è l’accessibilità alle cure, valutata con la quota di persone che hanno rinunciato a una prestazione di cui aveva bisogno, un aspetto particolarmente critico nel Mezzogiorno ma anche in alcune aree del Centro-nord.

Ti potrebbero interessare anche:

I medici inglesi visitano su Skype, rivoluzione per la sanità
Abruzzo, indagati ex presidente Chiodi e ex assessore Venturoni: falso, violenza privata e abuso d'u...
IN PRIMO PIANO/ 2 - Lo scandalo Opg, commissari per le sei regioni inadempienti?
Per corruzione e frodi 6 miliardi di euro all'anno, "bustarelle" da due milioni di italian...
Celiachia, afte e macchie sui denti sono campanelli allarme
Lombardia. Pronto soccorso già sovraffollati e si teme il peggio



wordpress stat