| categoria: sanità

Pillola dei 5 giorni dopo per maggiorenni anche in parafarmacie e corner

La ‘pillola dei 5 giorni dopo’ (EllaOne*) può essere dispensata senza ricetta alle donne maggiorenni non solo nelle farmacie, ma anche nelle parafarmacie e nei corner della grande distribuzione, «previa esibizione di un documento di identità in corso di validità», che attesti la maggiore età dell’acquirente. Lo chiarisce una circolare del ministero della Salute, inviata in questi giorni agli assessori alla Sanità delle regioni, a Federfarma, Fofi, Assofarm, Farmacieunite, Federazione delle Parafarmacie e Associazione scientifica dei farmacisti italiani. Resterà invece vietata la vendita online di questo medicinale. Quello del ministero è un chiarimento sollecitato più volte, di recente, dalle stesse parafarmacie, che lamentavano l’eccessiva confusione in materia, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della determina Aifa con la doppia classificazione del medicinale: Sop (senza obbligo di prescrizione) ma non da banco per le maggiorenni, mentre per le ‘under 18’ la pillola dei 5 giorni dopo è un farmaco soggetto a prescrizione medica da rinnovare volta per volta (Rnr). Ebbene, proprio «sulla base della duplice classificazione – recita la circolare in possesso dell’Adnkronos Salute, firmata dal direttore generale dei Dispositivi medici e del servizio farmaceutico del ministero della Salute, Marcella Marletta – e tenuto conto dello stralcio del verbale» approvato dalla Cts dell’Aifa il 18 maggio 2015, «il medicinale EllaOne* può essere dispensato con le seguenti modalità: alle donne maggiorenni, quale medicinale Sop, nelle farmacie e negli appositi spazi vendita o parafarmacie, di cui all’articolo 5 del decreto legge 4 luglio 2006 n.223 convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto 2006 n.248; alle donne minorenni, quale medicinale soggetto a prescrizione medica da rinnovare volta per volta, esclusivamente nelle farmacie».

Ti potrebbero interessare anche:

Staminali: Vannoni, oggi consegno il protocollo all'Istituto Superiore di sanità
Lorenzin, possibili nuovi casi come Stamina
CENSIS/ 1 - Gli italiani preferirebbero investimenti in prevenzione e non in nuovi ospedali
UNIVERSITA' CAOS/ Scuole di specializzazione: ricorsi al Tar fino al 4 gennaio
Malattie respiratorie, 7 milioni gli italiani colpiti: uno su tre non si cura
Negli ospedali pubblici otto miliardi di sprechi, cala la fiducia dei cittadini



wordpress stat