| categoria: Roma e Lazio

San Lorenzo trema, arrivano 150 profughi a vbia dei Sabelli?

Il sindaco Marino la fa troppo facile, Roma deve ospitare una quota di rifugiati, di profuighi, ma la cosa non va giù a nessimo, è rivolta a Roma Nord, ora trema San Lorenzo, che teme per le sua strade della movida. Centocinquanta rifugiati rischiano di essere trasferiti nel cuore del quartiere. Prima a via dei Sabelli, in un centro gestito dai Cavalieri di Colombo, poi a via dei Reti, in un immobile confiscato alla mafia che il Comune, proprio due giorni fa, ha chiesto di farsi assegnare per destinarlo «a famiglie in emergenza abitativa», come aveva spiegato l’assessore Danese.

Ieri invece il dietrofront. Destinazione d’uso cambiata. Entro due mesi – il tempo necessario per espletare la procedura di assegnazione – lo stabile al civico 27 ospiterà una parte degli immigrati che due settimane fa erano stati sfrattati dal campo abusivo di Ponte Mammolo. A disposizione, i profughi, avranno un immobile composto da quattro piani per cinque unità abitative, 13 stanze con bagno indipendente e altri servizi comuni. In attesa che il palazzo venga consegnato al Comune, per i prossimi 60 giorni invece gli stranieri verranno ospitati nella struttura gestita dalla Fondazione dei Cavalieri di Colombo al numero 88 di via dei Sabelli, sempre a San Lorenzo.

Il II Municipio però è pronto ad alzare le barricate. Soprattutto perché già dieci giorni fa ha dovuto accogliere 174 immigrati, sempre provenienti dall’insediamento di via delle Messi d’oro, sgomberato l’11 maggio dalla Polizia locale, che ospitava centinaia di immigrati. In quel caso gli stranieri vennero inviati nel centro di prima accoglienza “Baobab” di via Cupa, poco distante dalla stazione Tiburtina. Una decisione presa unilateralmente dal Comune, senza consultare le istituzioni territoriali. Motivo per cui, appena saputo del trasferimento, il minisindaco Giuseppe Gerace ha preso carta e penna per scrivere al sindaco Marino ed «esprimere forte preoccupazione per il nuovo insediamento degli immigrati».

Ti potrebbero interessare anche:

Accoltella al petto il coinquilino dopo una lite, arrestato
Marchini cala gli assi e lancia la raccolta firme “Basta farci male”
Fontana di Trevi, al via il restauro targato Fendi
Codacons chiede l'intervento dell'esercito contro l'emergenza-buche
Raggi e la sfida all’anti-stato di Torbella
Sensori Bluetooth per monitorare i flussi pedonali? Il Campidoglio ci prova



wordpress stat