| categoria: attualità, primo piano

Bufera sui vertici Fifa: tangenti per 150 milioni di dollari. Blatter indagato

Maxi-retata delle autorità americane e svizzere contro i vertici Fifa. L’operazione è in corso a Zurigo e coinvolge diversi alti ufficiali dell’organizzazione che governa il calcio mondiale, a due giorni dall’assemblea annuale in cui Sepp Blatter cerca la quinta rielezione consecutiva alla presidenza. Lo stesso Blatter è indagato dall’Fbi ma non è stato rinviato a giudizio. Due i filoni dell’inchiesta: quello guidato dalle autorità americane riguarda vent’anni di malversazioni da parte di dirigenti Fifa, quello della Procura federale svizzera è invece centrato su presunte tangenti legate all’assegnazione dei Mondiali di calcio del 2018 in Russia e del 2022 in Qatar.

L’indagine condotta dal Dipartimento della giustizia americano è fondata sull’accusa di corruzione nei confronti del potente Comitato esecutivo della Fifa. Sei persone sono state arrestate e fino a 14 saranno estradate e rinviate a giudizio davanti alla corte federale di Brooklyn, a New York. Di questi 14, nove sono alti dirigenti Fifa e cinque sono manager del marketing sportivo. Le accuse, oltre alla corruzione, includono riciclaggio di denaro, racket e frodi telematiche e riguardano due decenni di malversazioni ai vertici dell’organismo internazionale del calcio. Nel mirino degli investigatori ci sono anche gli accordi per diritti televisivi e marketing.

La procura svizzera ha invece aperto un’inchiesta contro ignoti con l’ipotesi di «riciclaggio e gestione sleale» in relazione all’attribuzione dei Mondiali di calcio 2018 e 2022 alla Russia e al Qatar rispettivamente, sequestrando documentazione elettronica presso la sede della Fifa a Zurigo. Lo ha reso noto un comunicato del ministero della Giustizia di Berna. «Gli arricchimenti illeciti si sarebbero verificati almeno in parte in Svizzera» si legge nella nota, che spiega che l’inchiesta è aperta dal 10 marzo scorso ma finora era rimasta segreta.
Si tratta di un procedimento separato rispetto a quello avviato dalla giustizia americana.
Secondo i media Usa, Sepp Blatter, 79 anni, capo indiscusso del calcio mondiale dal 1998, è indagato dall’FBI ma, nei suoi confronti, al momento, non è stata formalizzata l’accusa di corruzione.

In questi giorni a Zurigo si svolge il Congresso annuale Fifa nel quale Sepp Blatter, presidente uscente, viene sfidato dal principe giordano Ali Bin Al Hussein. «Oggi è un giorno triste per il calcio», ha commentato il candidato della Giordania.

«In questa vicenda, la Fifa è la parte lesa», ha detto invece il portavoce dell’organizzazione De Gregorio, che ha precisato come sia il Congresso annuale a Zurigo sia i Mondiali del 2018 in Russia e quelli del 2022 in Qatar procederanno come previsto. Il presidente Blatter «non è coinvolto – ha affermato – non è tenuto a lasciare l’incarico».

Ti potrebbero interessare anche:

Mediaset, niente sconti per Berlusconi: quattro anni. Pdl insorge, sentenza politica
Berlino, Atene rispetti gli impegni, preoccupazione della Troika
"Non carico disabili in carrozzina". E il tassista lascia a terra il dirigente Coni Pancal...
Unioni civili, primo sì in Senato: Pd fa asse con M5S. Alfano: via le adozioni
Francia, si temono vittime per la piena della Senna, chiuso il Louvre
Nucleare: Kim propone incontro a Trump, presidente Usa accetta



wordpress stat