| categoria: politica

Renzi a Genova: «Mi dispiace per la Liguria, ma numericamente il Pd ha vinto»

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi oggi al Teatro Carlo Felice di Genova partecipa all’incontro di Repubblica delle idee. È stato accolto dal sovrintendente del Teatro Maurizio Roi, dal sindaco di Genova Marco Doria, dal prefetto Fiamma Spena e dal governatore uscente Claudio Burlando. «Mi dispiace per la Liguria ma non c’è partita: numericamente il Pd ha vinto e il Pd ha il consenso nel paese che nessuna sinistra europea ha».
«La lotta al dissesto idrogeologico non ha colore politico». Poi il premier conferma che si recherà al cantiere del Bisagno a Genova con il neo governatore Giovanni Toti. «I lavori – ha aggiunto – devono andare avanti».«Fuori dal Pd c’è Salvini ed il centrodestra. Per essere argine all’antipolitica, dobbiamo darci una smossa ma essere consapevoli della situazione».
«Potevamo fare di più? Si. Potevamo accorgercene prima? Si. Ma ora stiamo facendo». Così poi il premier Matteo Renzi in merito a Mafia Capitale. E riguardo al senatore Castiglione, dice: «Io ho anche un padre indagato a Genova. Se ragiono su avvisi di garanzia i miei figli non avrebbero dovuto vedere il nonno. Ho 5 sottosegretari indagati io credo che un cittadino è innocente fino a prova contraria. Non chiederò mai le dimissioni per un avviso di garanzia». «Marino e Zingaretti sono completamente fuori rispetto alla cricca. Bisogna riconoscere i colpevoli veri, per troppo tempo si è sparato sul mucchio», ha aggiunto.

Ti potrebbero interessare anche:

Carceri:domiciliari fino a 6 anni pena?
RIFORME/ Bindi, sì ad emendamento sulla legge elettorale o me ne vado
Intercettazioni, riforma entro l'anno». Orlando riforma ministero della Giustizia
E' morto nella notte a Roma Giovanni Berlinguer. Aveva 90 anni
Conflitto d'interessi, via libera dalla Camera dei deputati
Pa, via libera al licenziamento lampo dei furbetti del cartellino



wordpress stat