| categoria: politica

PD/ Dalle bollette del telefono alla sede del Nazareno, spesi oltre 6 milioni nel 2014

Oltre 45mila euro per spese di cancelleria e materiale di consumo; 643.723 euro per collaboratori e consulenze; 690.842 euro per l’acquisto di copie dei quotidiani l’Unità ed Europa e 3.647.920 euro per spese elettorali, di propaganda e comunicazione politica. E ancora: 417.143 euro di bollette telefoniche; 315.487 euro per viaggi, trasferte, alberghi e ristoranti, rappresentanza, rimborsi spese e automezzi; 146.034 euro sborsati per spese amministrative, come quelle postali e i servizi generali. A quanto si apprende queste sono alcuni degli ‘oneri della gestione caratteristica’ a carico delle casse del Pd, riportati nell’ultimo bilancio di partito (quello relativo all’esercizio 2014 approvato ieri dalla Direzione nazionale), riguardanti i costi per servizi che complessivamente ammontano a oltre 6 milioni di euro. In particolare, per vigilanza, manutenzioni e riparazioni, assicurazioni, pulizia locali e servizi logistici delle sede nazionale di Largo del Nazareno i Dem hanno versato 687.497 euro. Per «manifestazioni, eventi e servizi elettorali in genere» sono stati spesi 47.682 euro, mentre 1.573.874 euro sono stati investiti per il «godimento beni di terzi riguardanti le sedi operative». In particolare, il personale dipendente vale 8.733.697 euro. Ed è stimato in 8.194.091 euro il totale dei «contributi alle associazioni»: nel dettaglio, le ‘associazioni dei giovani democratici’ hanno incassato 10.241 euro e le strutture territoriali del Pd 3.454.124 euro; le strutture regionali del partito hanno ricevuto 4.213.727 euro, mentre quelle provinciali 252.841 euro. Il contributo al P.S.I. ammonta a 163.203 euro, mentre quello versato al P.E.S. vale 89.321 euro. Gli importi erogati ad associazioni e circoli esteri consistono in 7.337 euro.

Ti potrebbero interessare anche:

Camera: Labriola e Furnari lasciano M5S, passano al Gruppo misto
Renzi all'attacco: Letta ha la fissazione della sedia
Grillo non molla la presa sul Colle, chiede lo stato di accusa
M5S/ De Robbio espulso dal Movimento
Parlamento, sta per sparire il tetto agli stipendi d'oro dei dipendenti?
TAP: DOMANI IL GOVERNO DECIDE, SCONTRO EMILIANO-M5S



wordpress stat