| categoria: sport

JUVE/ Marotta blinda Allegri, “Tevez? Aspettiamo…”

Oltre tre ore di colloquio per rinnovare il contratto di Allegri, «uno dei migliori in circolazione», e definire la Juventus del futuro. Che, con il passare delle ore, rischia sempre più di perdere Carlitos Tevez. «Aspettiamo una risposta, dobbiamo arrivare alla conclusione della vicenda velocemente…», osserva l’ad Beppe Marotta, pronto a blindare i gioielli Pogba e Morata. E a proseguire ancora un altro anno con Pirlo: «Lui non ha chiesto di andare via…». Se con il tecnico del quasi triplete il rapporto sembra destinato a durare nel tempo – «immaginare il suo prolungamento è automatico. Un atto ufficiale che ufficializzeremo quanto prima» – la love story con l’attaccante argentino sembra ai titoli di coda. «Spesso il destino dei giocatori è nella loro testa», osserva Marotta a margine della festa per i cento anni di Hurrà Juventus, il magazine del club celebrato da una mostra allo Juventus Museum. Accanto alle immagini della storia bianconera di ieri e di oggi la Coppa Italia e la coppa dello scudetto appena conquistate, che proprio oggi hanno fatto il loro ingresso al Museum. «Per Carlos c’è grande rispetto, è un giocatore che ha dato tanto alla Juventus – prosegue l’ad juventino parlando dell’argentino – ma è una situazione che non possiamo trascinare nel tempo perché, in caso di addio, dobbiamo trovare un sostituto». Nelle ultime ore, all’interesse del Psg si è aggiunto anche quello dell’Atletico Madrid, mentre sembra raffreddarsi la pista Boca Juniors perché il club argentino non disputa la Libertadores. «Con l’Atletico abbiamo ottimi rapporti, ma ultimamente non ci siamo sentiti perché non c’è stata la necessità di farlo. Sono sviluppi che potremmo prendere in considerazione in base alla scelta di Tevez. Mandzukic? Un buon giocatore, al momento posso solo fare questa considerazione su di lui», dice a proposito del possibile sostituto in bianconero. I prossimi giorni saranno dunque fondamentali per conoscere il futuro di Tevez e, di conseguenza, quello della Juventus. Che per sostituirlo non farà però follie dopo l’arrivo di Dybala e quello di Khedira. «Ai tifosi dico di non aspettarsi operazioni straordinarie – afferma Marotta – di straordinario c’è il percorso fatto dalla Juve in questi anni». E poi «già non vendere giocatori rappresenta un rafforzamento». In casa, del resto, c’è un giovanissimo Morata che ha saputo ritagliarsi uno spazio importante nella Juventus. «Ha qualità apprezzate da tutti e un contratto atipico dettato dal Real – dice della punta spagnola -: l’anno prossimo sarà con noi, poi andremo a valutare e a discutere col Real quello che si può fare. Conta molto la volontà del giocatore e lui ha sempre detto che vuole rimanere con noi. Pogba? Noi non abbiamo necessità o volontà di privarci di lui, un nostro patrimonio – conclude il dirigente bianconero -. E anche lui ha piacere di continuare con noi».

Ti potrebbero interessare anche:

Palermo-Inter, battaglia e pari pieno di emozioni
CALCIOMERCATO/ Derby per Kondogbia, Milan in vantaggio
Milan mette alle corde il Real Madrid e perde solo ai rigori
Udinese affossa il Napoli, lo scudetto si allontana
Nazionale, Ventura preferisce Politano a Balotelli. E pensa al 4-2-4....
Serie B: Pisa giù, Cesena quasi salvo



wordpress stat