| categoria: attualità

Si arrende anche Pisapia, basta nuovi profughi a Milano

“L’amministrazione e la città hanno già fatto la loro parte, e continueranno a farla. La catena di solidarietà è stata straordinaria, ma più di così Milano non può fare”. Lo ha affermando il sindaco Giuliano Pisapia, chiedendo “che non vengano inviati ulteriori profughi”. Intanto il ministro dell’Interno Angelino Alfano si è recato a Palazzo Chigi per discutere dell’emergenza con il premier Matteo Renzi.
Con il ministro dell’Interno e con il prefetto Francesco Paolo Tronca è stato un incontro a giudizio del sindaco importante per risolvere una situazione che in città rischia di diventare esplosiva come in molte altre parti d’Italia. “Con il ministro abbiamo fatto importanti passi avanti per affrontare le criticità dovute al grande afflusso di profughi a Milano – spiega Pisapia -. Siamo costantemente impegnati per conciliare, come sta accadendo, il decoro della città, la legalità, la sicurezza e i bisogni dei cittadini, con il doveroso aiuto a chi scappa dalla fame e dalle guerre”.

“Abbiamo, inoltre, ottenuto l’immediata consegna degli spazi del Dopo Lavoro Ferroviario, inutilizzato da molto tempo – ricorda il primo cittadino -, come luogo dove accogliere dignitosamente i profughi, evitando così che la prima assistenza avvenga negli spazi antistanti la Stazione. Da domani, poi, si potrà utilizzare il C.a.r.a., Centro assistenza richiedenti asilo, anche per i profughi arrivati in questi giorni”.

Pisapia ha poi lanciato un appello alle Regioni. “Visto che l’Europa ci ha abbandonato è necessario ridistribuire le presenze nelle diverse Regioni, proporzionalmente agli abitanti e in base alla effettiva capacità di dare una prima e dignitosa accoglienza”.

Ti potrebbero interessare anche:

Monti, detassazione per chi assume under 30
MALTEMPO/ Dopo le piogge sgomberi, smottamenti e feriti
Facebook bocciato dalla Corte europea: non rispetta la privacy
Bruxelles: 'Gli attacchi legati all'arresto di Salah Abdeslam'
Attacco in Svezia: colpi partiti da auto in corsa, diversi feriti
Addio a Elsa Martinelli, l'italiana che incantò Hollywood



wordpress stat