| categoria: attualità, sanità Lazio

“Quei 30 milioni li dirottiamo sull’Idi. Ma al Papa non diciamo niente”. Bambino Gesù smentisce

Il contesto è quello dell’inchiesta sul crac della Casa della Divina Provvidenza, in Puglia, vicenda per la quale è stato tirato in ballo un parlamentare del Ncd, Azzollini e facendo tremare il governo. Ma le intercettazioni portano da tutt’altra parte e la storia è talmente clamorosa da non poter essere taciuta: si scopre che è stato taciuto al Papa che una somma di 30 milioni dell’ospedale Bambino Gesù proveniente da fondi pubblici italiani sarebbe stata utilizzata per l’acquisizione dell’Idi. Lo suggerisce il cardinal Giuseppe Versaldi, ora prefetto dell’Educazione Cattolica, in una conversazione telefonica con il manager Giuseppe Profiti. Il caso Idi, appena riportato nei binari di una precaria stabilità, rischia di riaprirsi, il Vaticano è intervenuto a tamponare un altro crac, quello della Congregazione che gestiva l’ospedale specializzato in dermopatie, ma lo ha fatto evidentemente in modo un po’ contorto. Il Bambino Gesù smentisce tutto con energia e durezza. Ma la frittata è fatta.
In una conversazione registrata il 26 febbraio 2014, agli atti dell’inchiesta, il cardinale Giuseppe Versaldi, all’epoca presidente della Prefettura degli Affari economici della Santa Sede e delegato pontificio della Congregazione dei Figli dell’Immacolata, suggerisce al manager Giuseppe Profiti, presidente del Bambino Gesu’ e commissario straordinario della Provincia italiana dei Figli dell’Immacolata, di tacere al Papa che una somma di 30 milioni dell’ospedale Bambino Gesu’ proveniente da fondi pubblici italiani sarebbe stata utilizzata per l’acquisizione dell’Idi, l’istituto dermopatico dell’Immacolata. Dopo le prime rivelazioni di stampa, stamani, l’Ospedale Bambino Gesu’, di proprieta’ della Santa Sede Divina Provvidenza ha smentito categoricamente che “propri fondi di bilancio, meno che mai fondi pubblici, siano stati destinati all’acquisizione dell’Istituto dermopatico dell’Immacolata”. “Neanche un euro dell’Ospedale – ha affermato la nuova presidente Mariella Enoc, succeduta a Profiti il 13 febbraio 2015 – risulta distratto dalle attivita’ cliniche, di ricerca o organizzative che riguardano l’Ospedale e i suoi pazienti”. Chiarimenti e smentite sono arrivate anche dal porporato e da Profiti: “l’incontro con il Papa – ha spiegato Versaldi – era finalizzato ad ottenere l’approvazione generale a proseguire sulla linea di salvataggio” dell’Idi “in questo contesto il mio invito a non entrare in dettagli tecnici ancora in discussione non aveva nessuna intenzione di ‘mentire’ al Papa ma semplicemente di tacere cio’ che non era chiaro neppure ai tecnici”. Da parte sua Profiti ha detto che “nessuna somma, di qualunque provenienza pubblica o privata, e’ stata trasferita dal Bambino Gesu’ all’Idi, alla Congregazione, alla Fondazione Luigi Maria Monti (Idi) o ad altri soggetti comunque collegati o controllati da questi ultimi”. Nella conversazione agli atti della procura di Trani colpisce soprattutto la volonta’ del cardinale di nascondere al Papa, con cui insieme a Profiti avrebbe avuto di li’ a poco un colloquio, l’intento di dirottare, secondo gli inquirenti, fondi provenienti dalla legge di stabilita’ destinati al Bambino Gesu’ a un’operazione di riacquisizione dell’Idi da parte della Congregazione dei Figli dell’Immacolata. Profiti: “Pronto! Ciao don Giuseppe!”. Versaldi: “Ciao. Senti. Ci riceve stasera alle diciannove il Papa”. Profiti: “Ma chi ci?”. Versaldi: “Il Papa”. Profiti: “Aaah! O mio Dio!”. Versaldi: “Tu puoi?”. Profiti: “Io certo! E ci mancherebbe!”. Versaldi: “Bene. Ci troviamo…si'”. Profiti: “Eh! Cosa devo…”. Versaldi: “Passi…”. Profiti:”…dire? Fare? Portare?”. Versaldi: “No. Ma poi introduco io come delegato. E poi tu dici le cose che hai detto ieri sera”. Profiti: “Ah! Cos’e’ che dovevo saltare? Che me ne sto andando in paranoia?”. Versaldi: “Ma diceva…no! Mi pareva…mi pare no?”. Profiti: “Ah!”. Versaldi: “ehm…ehm…devi tacere che questi trenta milioni …”. Profiti: “Si’. Si’. Si’. Sull’intervento, si’.”. Versaldi: “Sono stati dati per l’Idi. E dire semplicemente che, come ogni anno, oltre ai cinquanta sono stati dati trenta per il Bambino Gesu’, senza…ah… ah…una…” Profiti: “Vincolo di destinazione”. I 30 milioni di cui si parla, secondo gli inquirenti, sarebbero stati assegnati al Bambino Gesu’ dalla legge di stabilita’ ma verrebbero utilizzati, nelle intenzioni di Versaldi e Profiti, perche’ l’Idi, in amministrazione straordinaria per il forte indebitamento e al centro esso stesso di un’altra indagine giudiziaria, torni nelle mani della Congregazione religiosa di cui Versaldi e’ commissario papale. Il tutto, ritengono gli investigatori, con l’uso, appunto di denaro pubblico che aveva tutt’altra destinazione. Per la procura di Trani il senso della conversazione intercettata e’ rilevante per comprendere il modus operandi che sarebbe stato utilizzato nel caso dell’Idi e che troverebbe un parallelo anche per quanto emerso a proposito della bancarotta delle case di cura pugliesi della Divina Provvidenza, anche qui con Profiti nel presunto ruolo di trait d’union. Nell’indagine, comunque, il cardinale Versaldi non sarebbe indagato. Gli inquirenti pugliesi tracciano il parallelo tra le due vicende ipotizzando in entrambi i casi il progetto ambizioso da parte dei gruppi proprietari di rientrare in possesso definitivamente delle strutture una volta depurate dall’immenso disavanzo economico (circa un miliardo di euro per l’Idi, quasi 600 milioni per la Casa Divina Provvidenza) “da scaricare interamente sulla collettivita’”.

Per la procura di Trani tali risultanze dell’inchiesta sono rilevanti per comprendere il modus operandi utilizzato nel caso dell’Idi che troverebbe un parallelo anche per quanto accertato a proposito della bancarotta delle case di cura pugliesi della Divina Provvidenza, anche qui con Profiti nel presunto ruolo di trait d’union. Nell’inchiesta della procura di Trani, che finora ha portato a dieci misure cautelari tra cui la richiesta di arresto per il senatore Ncd, Antonio Azzollini, il cardinale Versaldi non sarebbe comunque indagato.
Ma dall’Ospedale Bambino Gesù di Roma arriva a stretto giro la smentita: con riferimento alle notizie riguardanti l’inchiesta della Procura di Trani circa le vicende legata all’inchiesta sulle case di cura della Divina Provvidenza, scrive in una nota la direzione, l’Ospedale «smentisce categoricamente che propri fondi di bilancio, meno che mai fondi pubblici, siano stati destinati all’acquisizione dell’Istituto dermopatico dell’Immacolata». «Neanche un euro dell’Ospedale – afferma con risolutezza la nuova presidente Mariella Enoc – risulta distratto dalle attività cliniche, di ricerca o organizzative che riguardano l’Ospedale e i suoi pazienti».

Ti potrebbero interessare anche:

Effetto-Boston, la Cancellieri riunisce Comitato sicurezza. Protetti gli obiettivi sensibili
Francesco, ospite doc alla mensa vaticana
Obama: con Castro "incontro storico, voltiamo pagina"
Villa Aurora, la Regione sospende l'accreditamento, a rischio pazienti e posti di lavoro
La Turchia bombarda l'Isis in Siria e Iraq, 200 uccisi
Attentato a Barcellona: ecco i quattro ricercati. Uno del gruppo era stato in Italia



wordpress stat