| categoria: turismo

A Civita di Bagnoregio, nel borgo che non vuole morire

La città che muore: sembrano ossimori i cartelli che indicano la strada verso il borgo di Civita di Bagnoregio (Vt), arroccato su un colle di tufo e stretto tra due profondi burroni. Almeno a giudicare dalla partecipazione ieri alla serata-evento dedicata all’appello «Per Salvare Civita di Bagnoregio e la Valle dei Calanchi» lanciato dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti nel mese di maggio. Ma soprattutto in considerazione della risposta massiccia ottenuta sulla piattaforma web Change.org dall’appello, che mira a far riconoscere l’antica cittadina e la suggestiva valle che la circonda come patrimonio dell’Unesco: «In pochi giorni abbiamo già ottenuto 20 mila firme da tutto il mondo», ha detto Zingaretti, presenziando l’iniziativa promossa dal Progetto ABC – Arte Bellezza Cultura della Regione, «vogliamo utilizzare Civita come hub di promozione culturale della modernità e dopo l’estate lanceremo una raccolta fondi a livello internazionale per sostenere la tutela della sua atmosfera magica». Il brulicare di persone a occupare la piazza San Donato e le stradine circostanti, le eccellenze del territorio con i prodotti enogastronomici, e poi tutti in chiesa, ad ascoltare le Note per Civita che Danilo Rea ha voluto regalare alla città suonandole per l’occasione al pianoforte: ieri sera questa accorata richiesta di aiuto per difendere la fragilità di Civita dagli agenti atmosferici e restituirle, si legge nella petizione, «anima e anime», rinnovando le «prospettive culturali, paesaggistiche, sociali, economiche», si è trasformata in una festa, un incontro partecipato e popolare, nutrito dalla proficua commistione tra arte, cultura, musica, cibo. Le prime vibrazioni positive sono arrivate già percorrendo il lungo ponte che collega Civita al resto del mondo: qui l’artista Bruna Esposito ha concepito l’installazione Ponte a sonagli, realizzata con scope di bambù e campanelli che, mossi dal vento sulle ringhiere, sollecitano buoni auspici per la città. Indubbio che Civita sia viva e pronta ad affrontare le sfide del futuro con rinnovata speranza, forte proprio di quella che è la sua prima debolezza: la sua impermeabilità al moderno e alla civiltà industriale, in una sorta di «splendido isolamento» che custodisce la memoria dell’antico. Per cittadini e istituzioni locali l’obiettivo ora è che la petizione all’Unesco si trasformi in una via di salvezza concreta e che si agisca in tempi brevi. Tra i firmatari dell’appello presenti alla serata-evento, anche Giuseppe Tornatore, che da 20 anni è uno degli abitanti più illustri del borgo: «Civita è di tutti, va salvaguardata e fatta conoscere. C’è ansia per il futuro: questo progetto sta a cuore a tutti coloro che amano la città», ha detto il premio Oscar, «io me ne sono innamorato il primo giorno che l’ho vista e ho subito acquistato casa».

Ti potrebbero interessare anche:

Venezia: 120mila in citta' per i fuochi del Redentore
Gli stranieri amano le ville italiane
A Pasqua Cortina sarà innevata, impianti aperti
Il Foro Romano si svela al chiaro di luna
Estate low cost sulla Costa dei Trabocchi
Va dove ti porta l'Inconscio. Quattro viaggi dettati dai sogni



wordpress stat