| categoria: sanità

DIALIZZATI/ Indagati i vertici della Asl di Brescia e 24 associazioni di volontariato

La Procura di Brescia ha iscritto nel registro degli indagati i vertici dell’Asl di Brescia e i rappresentanti legali di 24 associazioni di volontariato che si occupano del trasporto in ambulanza di pazienti sottoposti a dialisi. Carmelo Scarcella e Francesco Vassallo, direttore generale e direttore sanitario dell’Asl di Brescia, devono rispondere di abuso d’ufficio, mentre i rappresentanti dell’associazioni sono accusati di truffa aggravata e falso documentale. Per il procuratore aggiunto Sandro Raimondi, titolare dell’inchiesta, le associazioni coinvolte avrebbero «gonfiato» i rimborsi kilometrici per il trasporto dei pazienti tra il 1 gennaio 2011 e il 30 giugno 2013, data in cui la normativa cambiò. «Ci siamo sempre attenuti alle norme e alle linee guida indicate da Asl» si difendono oggi le associazioni coinvolte. Per la Procura la truffa in tutto ammonterebbe a 1 milione e 400mila euro. La Procura ha disposto il sequestro dei conti corrente delle associazioni, lasciando solo cinque mila euro a disposizione, oltre al congelamento dei conti personali dei rappresentanti legali indagati.

Ti potrebbero interessare anche:

I Nas rivelano, minacce ai parlamentari contrari al metodo Stamina
Ricetta elettronica ferma in Lazio, Abruzzo e Calabria
PIù over 65 e meno fondi, "tempesta perfetta" per il Servizio Sanitario Nazionale
Meningite, ecco le cose da sapere
L'INTERVENTO/ PRONTO? SOCCORSO!
CORONAVIRUS/ Nella Marsica i privati collaborano con posti letto, l'Ini di Canistro attiva la rianim...



wordpress stat