| categoria: Roma e Lazio

La Giunta Marino perde i pezzi, se ne va l’assessore (renziano) Improta?

Le cose cominciano a muoversi in fretta, e il confronto con ministero dell’Economia e i sindacati sul tema del salario accessorio dei dipendenti comunali non nasce per caso. C’è chi dice che Renzi stia lavorando ai fianchi il sindaco Marino con tutti i mezzi disponibili, per fiaccarne la resistenza e portarlo alla resa. E mentre il Mef chiarisce e frena sul buco da 350 milioni i renziani preparano un altro trabocchetto, l’assessore Improta, fedelissimo del premier e forse proprio per questo asse portante della Giunta Marino sembra stia per abbandonare la nave. E’ un problema politicamente molto ingombrante da risolvere: Guido Improta, assessore alla mobilità, lascerà la giunta a fine mese, annunciando «dimissioni irrevocabili» per la «fine di un tagliando» durato due anni. Già sottosegretario nel Governo di Mario Monti per lungo tempo ha rappresentato l’architrave dell’amministrazione Marino, gestendo i rapporti con la maggioranza e firmando, tra l’altro, l’ambizioso piano generale del traffico urbano. Chi sarà il prossimo?

LO SCONTRO
Fin dal primo giorno a Palazzo Senatorio Improta ha ripetuto: «Non rimarrò cinque anni in Comune». Ma la sua decisione in queste ore ha avuto una forte e brusca accelerazione. Soprattutto dopo che giovedì il quasi ex assessore ha detto «no» alla richiesta di Marino di sforare il patto di stabilità per continuare il braccio di ferro con il Governo. «E allora le nostre strade si dividono», è stata la risposta, gelida, del sindaco. La decisione di Improta fa il paio con gli attacchi arrivati da più fronti a Silvia Scozzese, pronta anche lei a lasciare. La responsabile del bilancio, tecnico gradito a Palazzo Chigi e ufficiale di collegamento, tra Campidoglio e Governo, è finita sotto il fuoco incrociato dei suoi colleghi di giunta, soprattutto dopo le difficoltà e i continui rinvii nell’erogazione dei fondi, da parte dello Stato, per il Giubileo straordinario che inizierà l’8 dicembre. C’è chi dà lo strappo per imminente.

Ti potrebbero interessare anche:

Marino si taglia lo stipendio ma lo aumenta (a spese nostre) al capo dei vigili, 170mila euro
Prima candelina per Zingaretti, "festa della buona politica"
Palatino e Foro chiusi per assemblea sindacale: caos di turisti sulla Via Sacra
Al Pantheon arriva il biglietto: 2 euro dal 2 maggio 2018
Di Maggio resta al Comando dei vigili. A titolo gratuito"
Nasce una Silicon Valley alle porte di Roma



wordpress stat