| categoria: Dall'interno

Corona forse insegnerà in una scuola di fotografia

Insegnare in una scuola di fotografia. Potrebbe essere questo il programma di riabilitazione di Fabrizio Corona, uscito dal carcere tre giorni fa e ora affidato temporaneamente ad una delle comunità Exodus di don Antonio Mazzi, a Lonate Pozzolo (Varese). A riferirlo è l’avvocato Ivano Chiesa, difensore di Corona assieme alla collega Antonella Calcaterra, che oggi pomeriggio ha fatto visita all’ex re dei paparazzi nella sua nuova ‘casà che condivide con una decina di ragazzi e sei operatori e dove si sta «riprendendo». Il legale ha spiegato che «Fabrizio è sciupato: è dimagrito molto, almeno sei chili in tre mesi» ma ora comincia a «stare un pò meglio». I due, davanti a un caffè, si sono intrattenuti per un’oretta e, come ha riferito l’avvocato, Corona gli ha confidato di essere stato accolto in comunità «come un figlio. ‘Ringrazio tutte le persone che lavorano quì, mi ha detto – ha proseguito Chiesa – ‘con me sono gentilissimè. Insomma si trova bene anche se è sempre un pò teso – ha aggiunto il difensore – in quanto il provvedimento della Sorveglianza è temporaneo e se non viene confermato è un guaio». Quanto al programma di riabilitazione ora ne è stato stilato uno «generale» (è sul tavolo del magistrato da qualche giorno) che prevede un periodo di osservazione in modo da essere «individualizzato» e cioè modulato sulle attitudini, in questo caso, di Corona. «Molto probabilmente – è la previsione di Chiesa – lo utilizzeranno nel settore della fotografia. Magari come insegnante in una scuola». Giovedì scorso il giudice della Sorveglianza di Milano Giovanna Di Rosa, ha accolto l’istanza presentata dagli avvocati Chiesa e Calcaterra, una prima volta bocciata da un altro magistrato, e ha disposto per l’ex fotografo dei vip l’ affidamento in prova ai servizi sociali temporaneo che dovrà essere confermato da un collegio di giudici. Affidamento che è stato concesso per una serie di ragioni, alcune tecniche e giuridiche, altre relative all’assenza di pericolosità sociale e al suo passato di tossicodipendenza. In comunità sconterà la pena residua non sospesa – circa 5 anni -, e si dovrà attenere ad una serie di prescrizioni: non potrà uscire ma potrà comunicare al telefono, anche se con alcune restrizioni e potrà incontrare, ovviamente, i suoi legali e, con l’autorizzazione, parenti e amici più stretti.

Ti potrebbero interessare anche:

Rifiuti,non ci sono più soldi. Venezia rischia l'emergenza
VATICANO/Francesco bacia bimbo vestito da papa
ASTI/ L’autopsia non svela il giallo di Elena Ceste, non ci sono ferite evidenti
Brugnaro volta pagina, ora governo Venezia sul serio
Mafia, blitz contro i complici di Messina Denaro: decine di perquisizioni
Sequestro nel Casertano, tanta polvere da sparo da far esplodere un quartiere



wordpress stat