| categoria: sanità

SCHEDA/ Caos Opg, il punto regione per regione

Tra inadempienze e ricorsi al Tar, sono diverse ancora le Regioni indietro sulla tabella di marcia per la realizzazione delle Rems, Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza che avrebbero dovuto sostituire gli Opg dopo la decisione del governo di non concedere più proroghe alla scadenza del 31 marzo 2015 per la chiusura delle strutture. Secondo quanto reso noto all’Adnkronos dal sottosegretario del ministero della Salute, Vito De Filippo, ecco qual è la situazione complessiva delle Rems aggiornata al 22 giugno 2015. – REGIONE PIEMONTE: Permane una situazione critica sia per i nuovi ingressi sia perché le Rems provvisorie saranno probabilmente attive dal 1° settembre 2015. Per la fase transitoria sono previsti 35 posti letto. Si resta sempre in attesa dei documenti relativi alla rimodulazione del programma con l’identificazione delle strutture definitive e dei posti letto. – LOMBARDIA -VALLE D’AOSTA: È attiva la struttura di Castiglione delle Stiviere per 160 posti letto. Tuttavia, si trova ad avere 225 pazienti. Pertanto, la Regione ha comunicato che la struttura non accetterà ulteriori pazienti e l’impossibilità di mantenere adeguati livelli di sicurezza. Nella fase definitiva a Castiglione saranno attivi 120 posti letto e nella Rems che sarà realizzata a Limbiate 40 posti letto. Si resta sempre in attesa dei documenti relativi alla rimodulazione del programma per l’utilizzo delle risorse residue.

Ti potrebbero interessare anche:

Berlusconi e Storace preparano un contratto con gli italiani sulla sanità
Cresce il consumo di cannabis tra adolescenti
Giovani e sclerosi multipla, nuova campagna Aism
Comitati Etici, al via la riforma prevista dalla legge Balduzzi
IL PUNTO/ Regioni al lavoro per tenere i costi standard fuori dal patto della salute
Walter Ricciardi è il nuovo presidente dell'Istituto superiore di Sanità



wordpress stat