| categoria: Dall'interno

San Paolo, il palco della discordia. Lite fra il Napoli e lo staff di Vasco Rossi

Tensione alle stelle questa mattina allo stadio San Paolo, tra il Napoli e gli organizzatori – la Fast Forward – del concerto di Vasco Rossi, in programma venerdì presso l’impianto di Fuorigrotta. Il pomo della discordia riguarda i pannelli di alluminio che sono stati sistemati nell’area di rigore all’altezza della curva A – dove sarà il palco – che sono stati montati senza l’autorizzazione della società azzurra che fino a martedì ha la gestione esclusiva del campo da gioco, come previsto dalla convenzione d’uso dello stadio. Il Napoli si è rivolto alle Forze dell’ordine per verificare la situazione e nel frattempo i pannelli sono stati rimossi.
La porzione interessata del manto erboso è già rovinata. L’operazione sarà ripetuta domani, ma sarà effettuato prima un trattamento da parte del manutentore del Napoli per tentare di limitare i danni. “Abbiamo voluto evidenziare la situazione – ha spiegato l’head of operations del Napoli, Alessandro Formisano – e per questo ci siamo rivolti alla polizia. Mi auguro vengano adottati i correttivi giusti, noi siamo preoccupati per le condizioni del nostro manto erboso”.

Pronta la replica dell’organizzatore, Giuseppe Gomez: “Adotteremo anche le ulteriori precauzioni e faremo gli straordinari per completare i lavori in tempo. E’ il protocollo che utilizziamo per i concerti che svolgiamo in tutta Italia. Ce la faremo. Comunque sostituiremo le zolle rovinate a nostre spese seguendo le indicazioni del Napoli”.

Ti potrebbero interessare anche:

A Eataly Firenze primo sciopero catena
Ratzinger accetta l'invito del Papa, domenica all'incontro con i nonni ci sarà
Libia, in arrivo tremila migranti: soccorsi dal Canale di Sicilia
Con 'family bag' diventa chic portare via avanzi ristorante
Catania, in semilibertà uno degli ultrà condannati per l'uccisione di Raciti
Giornata nera sulla neve, due morti (romani)



wordpress stat