| categoria: spettacoli & gossip

TV/ Anche la Rai avrà il suo “House of cards”

– Anche la Rai avrà il suo House of Cards. Per ora è un progetto, ma in campo ci sono Roberto Andò, il regista di Viva la libertà, e la Bibi Film di Angelo Barbagallo, produttore de La meglio gioventù, e l’idea è realizzare la prima serie italiana sui meccanismi e sugli intrecci del potere politico di oggi nel nostro paese. Titolo della fiction – che potrebbe entrare in produzione l’anno prossimo – è L’irresistibile ascesa. È prematuro anche solo ipotizzare se le vicende raccontate si ispirino in qualche modo a Matteo Renzi – che notoriamente è un appassionato della saga sugli intrighi alla Casa Bianca interpretata da Kevin Spacey – piuttosto che a Matteo Salvini o ad altri personaggi della scena politica. Per ora si sa soltanto che obiettivo degli autori – Andò sarà affiancato da Angelo Pasquini – è raccontare il paesaggio morale del nostro paese, ritraendone il desiderio di cambiamento attraverso personaggi della politica che ne rivelino il fattore umano, la contraddizione tra la spinta a mutare pelle e l’immobilismo. Il romanzo della politica italiana sarà il filtro per narrare il passaggio epocale in cui siamo immersi, la partita a scacchi tra i volti nuovi del potere odierno e le loro maschere. Il progetto conferma l’attenzione di Rai Fiction alla realtà contemporanea, con i suoi punti di forza e i suoi lati oscuri, e insieme cavalca l’onda lunga dell’interesse per la storia d’Italia di ieri e di oggi, che ha visto la scorsa primavera il successo di 1992, la serie evento di Sky, diretta da Giuseppe Gagliardi e prodotta da Wildside, che ha raccontato il terremoto di Tangentopoli di 23 anni fa. L’intreccio tra politica e malaffare, l’ombra lunga della criminalità alla conquista della città di Roma – temi che riempiono le cronache di Mafia capitale – sono invece al centro di un’altra fiction Rai, Il sistema, attesa su Rai1 a fine ottobre, scritta da Sandrone Dazieri e Walter Lupo, diretta da Carmine Elia, con Claudio Gioè, Gabriella Pession. Partendo da un caso in apparenza facile, un maggiore dei reparti scelti della Guardia di finanza scopre un articolato sistema di criminalità organizzata che gestisce i giganteschi introiti delle cosche ripulendoli dal sangue e dal crimine. E sempre su Mafia capitale punterebbe anche Netflix che si prepara a sbarcare in Italia a ottobre: stando ai rumors di questi giorni, il colosso Usa dell’intrattenimento online avrebbe contattato la Cattleya (che ha prodotto anche Gomorra) per realizzare una serie ispirata all’inchiesta sul ‘Mondo di mezzo’.

Ti potrebbero interessare anche:

Robin Williams il giorno dopo, tra lacrime e polemiche
X Factor, lite show con Fedez: Morgan mostra il dito medio al pubblico
Scandalo nel mondo della moda: "Oscar de la Renta vende capi con pelle d'elefante"
Pooh, sold out a San Siro: "Ci sembra di vivere un sogno"
Teddy Reno compie 90 anni: "La mia voce non ha età
SANREMO PAGELLE/ Ammettiamolo, nella prima serata non ha brillato nessuno



wordpress stat