| categoria: sanità Lazio

Pronto il decreto per la fusione delle Asl capitoline. E’ la rivoluzione di Zingaretti

Pronto il decreto per la fusione delle Asl capitoline. E’ la rivoluzione di Zingaretti. Giusta o sbagliata che sia è la svolta più profonda nella organizzazione della sanità regionale. Che si faccia per ragioni di bottega, di risparmio o per altro ha poca importanza. Una scarica di adrenalina che rischia di peggiorare la situazione. Oggi la sanità laziale è in grossa difficoltà, avrebbe bisogno di un lavoro paziente di ricucitura e non di traumi. Invece si pensa di infilare tutto in un frullatore e di vedere l’effetto che fa. Riorganizzare, accorpare, spostare uomini e risorse, cancellare ruoli e poltrone e crearne altri non è cosa che rassereni un’ambienti. Ma Zingaretti ( chi per lui) la pensa diversamente. A Roma ci sarà l’accorpamento e la fusione operativa delle Asl che da 5 passeranno a 3. È pronto infatti un decreto della Regione che prevede la fusione tra la A e la C che determinerà una grande azienda sanitaria che servirà tutto il quadrante Est e 1,3 milioni di cittadini. L’unificazione tra la A e la E, che interesserà tutta Roma Nord e il centro storico, è già cominciata, resterà invariata la D che copre il litorale romano. Quindi con il primo gennaio del 2016 esisteranno solo le Asl Roma 1, Roma 2 e Roma 3, perché è stato deciso di abbandonare la classificazione con le lettere. Il decreto di Zingaretti creerà una delle aziende sanitarie più grande d’Italia per un territorio che somma i municipi IV, V, VI, VII, VIII e IX, dalla Tiburtina all’Eur e nel quale rientrano ospedali importanti come Pertini, Tor Vergata, Casilino, Sant’Eugenio, Cto e Campus Biomedico. Nel frattempo la fusione delle due Asl E ed A, ovvero il Centro e la zona nord della Capitale, è già in corso e si dovrà concludere a fine anno.

In questo caso il percorso è già partito ma si dovrà comunque concludere a fine anno e riguarderà 1.050.000 cittadini dei Municipi I, II, III, XIII, XIV e XV. Resterà invariata l’Asl Roma D, quella del litorale. Per gestire queste fusioni sarà nominato un commissario che potrebbe venire scelto fra uno dei due direttori generali in carica. Alessio D’Amato, direttore della cabina di regia regionale della sanità del Lazio, ha dichiarato al Messaggero che si va verso «una semplificazione e a un’eliminazione dei doppioni. Risparmieremo, perché ovviamente molti servizi come quelli informatici saranno razionalizzati. Si tagliano le poltrone e i centri di costi. Più in generale, le Asl furono create nel 1994, era un’epoca assai differente, basti pensare che anche i confini dei Municipi della Capitale erano diversi».

Chiunque dirigerà la Asl che nascerà dalla fusione tra A e C si troverà a governare un colosso di 6.000 dipendenti con un budget da due miliardi di euro all’anno, il doppio del debito di Atac e qualcosa di molto vicino al bilancio della Capitale. Vediamo ora cosa succedesse a livello regionale perché tutti i manager delle Asl sono sotto esame. Sempre secondo fonti anonime dal palazzo sulla Colombo, citate dal Messaggero, Zingaretti ha dato il via alla verifica dell’operato dei direttori generali delle Asl. I manager interessati sono complessivamente 11: quelli delle Asl B, C, E e D e dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata a Roma; delle Asl F (Civitavecchia), H (Castelli) e G (Tivoli) nella provincia di Roma, e infine i manager alla guida delle aziende di Frosinone e Latina e Ares 118. Per tutti questi manager si verificherà il conseguimento degli obiettivi raggiunti.

Ti potrebbero interessare anche:

Umberto I, riapre oncologia pediatrica, un gioiello. Troppa enfasi per un reparto solo?
La solita storia, arriva l'estate il De Lellis taglia i letti. Sindacati al contrattacco
IN PRIMO PIANO/ Un nuovo giocattolo per Zingaretti, ora ci divertiamo con le Rems
LATINA/ Il numero della guardia medica sempre occupato? No, è staccato il telefono
Fatebenefratelli dell'Isola Tiberina. Dalla Regione ok ad accreditamento definitivo
LA DENUNCIA/ Policlinico Umberto I, Panella smantella la Brest Unit?



wordpress stat