| categoria: esteri, Senza categoria

Iran, accordo quasi fatto. Atteso prima dell’alba

Lo «storico» accordo tra Tehran e le potenze mondiali sul futuro del programma nucleare iraniano e’ di fatto stato raggiunto. Ma ancora non c’e’. Dalle riunioni maratona a Vienna continuano ad emergere indiscrezioni secondo cui «ormai e’ questione di ore», e si arriverà al termine «entro oggi», ma anche che «no, entro oggi e’ improbabile». Secondo l’ultima indicazione di tre diplomatici citati in forma anonima dalla Ap, le trattative saranno chiuse «prima dell’alba» e poco dopo arriverà anche l’annuncio ufficiale. Gia’ nel pomeriggio, il presidente iraniano Hassan Rohani ha dato l’impressione che ormai fosse fatta, ma poi ha fatto marcia indietro: su Twitter ha scritto che «l’accordo sull’Iran è la vittoria della diplomazia e del rispetto reciproco sull’ antiquato modello dell’esclusione e coercizione». Nel giro di pochi minuti il suo tweet e’ stato pero’ cancellato, salvo poi essere rilanciato, pero’ con un grande «se» all’inizio. Secondo le indiscrezioni, l’ostacolo principale e’ ancora l’embargo sulle armi convenzionali e missili balistici, che Teheran vuole revocato immediatamente. Su questa linea ci sono anche la Russia e la Cina, tradizionali fornitori di armi all’ Iran, mentre sono contrari gli Usa, che tengono conto anche delle preoccupazioni dei loro alleati nella regione mediorientale, con Israele in prima fila. Anche oggi il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha ribadito tutta la sua contrarietà all’intesa, affermando che «ci siamo impegnati ad impedire all’Iran di dotarsi di armi atomiche e questo impegno è ora valido più che mai»; mentre il suo ministro dell’energia Yuval Steinitz ha affermato che quello che si profila «e’ un cattivo accordo, pieno di scappatoie». Con il passare delle ore la Casa Bianca ha poi fatto sapere che «i negoziati di Vienna continuano» ma, ha detto il portavoce Josh Earnest, «ci sono ancora ostacoli all’accordo». Il via libera sembrava essere arrivato quando in mattinata alcune fonti hanno affermato che sulla questione dell’embargo sulle armi era stato raggiunto un compromesso, ovvero una revoca progressiva. In particolare, citando quanto detto da una fonte iraniana all’agenzia russa Ria Novosti, l’agenzia iraniana Fars aveva scritto che «l’Iran e le sei potenze mondiali concordano di revocare parzialmente l’embargo sulle armi», mentre «l’accordo stabilisce che gli iraniani potranno continuare a fornire armi di difesa ai loro alleati nella regione, per combattere il terrorismo e l’estremismo». Evidentemente si tratta di un compromesso che e’ ancora quantomeno in via di elaborazione. Ma di certo le delegazioni iraniana e dei Paesi del 5+1 (Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna, Franca e Germania) stanno facendo di tutto per concludere positivamente il negoziato, avviato quasi due anni fa. Avrebbero dovuto concludere entro il 30 giugno, ma poi hanno spostato la scadenza al 7 luglio, e ancora al 10 e poi alla mezzanotte del 13 luglio. E ormai un giorno in più o uno in meno non conta più granché. La vera fretta era di chiudere entro il 7 luglio. In tal modo il Congresso degli Stati Uniti avrebbe avuto solo 30 giorni, e non 60, per valutare l’accordo, ed eventualmente respingerlo. Eventualità tutt’altro che remota, considerate le forti riserve avanzate non solo dai repubblicani, ma anche dai diversi democratici. Con più tempo a disposizione, frattanto, a Vienna ogni singola virgola delle circa 100 pagine del testo dell’accordo viene rivista, cosi’ come ognuno dei diversi allegati. Anche per questo ancora non si arriva al dunque, e il «se» inserito nel tweet di Rohani e’ ancora d’obbligo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prezzi in calo per Rc Auto, ma il Codacons protesta: restano tra i più alti d'Europa
ROMA/ Controlli sul Litorale, 200 identificati. Sequestrata droga
USA/ L'ex presidente Usa ha il cancro, farà trattamenti
Mosca invia droni e caccia in Siria. Accordo con Israele
MO/ Movimento 5 Stelle: 'Se noi al governo riconosceremo Stato Palestina'
PARKINSON/DISTONIA, IL PREMIO BACHMANN-STRAUSS ASSEGNATO AD ANTONIO PISANI (Fondazione S.Lucia Irccs...



wordpress stat