| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

SENEVANNODASOLI/ 3 – Si dimette anche il vicesindaco Nieri, “no al tritacarne mediatico”

E tre, nel giro di pochi giorni tre personaggi importanti del Campidoglio si sono fatti da parte. Da soli. Non sono indagati, ma il dossier del prefetto Gabrielli li mette in qualche modo sullagraticola. E quindi dimissioni. Prima per il segretario generale Iudicello, poi per il braccio destro di Marino, Stella. Ora per il vicesindaco di Roma Luigi Nieri . Con una lunga lettera riportata sul suo sito Nieri ha fatto sapere di aver consegnato le sue irrevocabili dimissioni dalla carica. “Il mio passo indietro, che nessuno mi ha chiesto di fare, ha alla base le stesse ragioni: l’amore per Roma e la convinzione che l’amministrazione Marino vada difesa a tutti i costi – scrive – Proprio per questo non posso più tollerare che la mia persona sia usata, in maniera volgare e oscena, come strumento per attaccare Roma e un’amministrazione che ha fatto battaglie di cui la sinistra italiana può andare fiera”. Nieri, che ribadisce di non essere mai stato indagato nell’ambito dell’inchiesta su Mafia Capitale nonostante il suo nome spunti nelle intercettazioni e nella relazione dei commissari prefettizi per i rapporti con il ras delle coop Savatore Buzzi, spiega così la sua scelta: “Se avessi pensato soltanto a me avrei continuato senza farmi scalfire da nulla. Ho le spalle larghe. Ma ormai è evidente che certi poteri, certe realtà che hanno sempre avuto interessi sulla città, condizionandone le scelte, poteri che io ho incessantemente combattuto, sin da ragazzo, hanno fatto di me il bersaglio perenne di attacchi che non si sono limitati a colpire la mia persona ma si sono spinti oltre per tentare di inquinare l’immagine dell’intera amministrazione di Roma e anche quella del mio partito, Sel, mai coinvolto in alcuna inchiesta giudiziaria”.

E ancora: “Il tritacarne mediatico vomita ogni giorno articoli, riportando intercettazioni riciclate da oltre 6 mesi, sbattute sulle prime pagine di quotidiani nazionali e caricate dalla superficialità di titoli che cercano di far passare per nuove cose vecchie di totale irrilevanza penale e giudiziaria. Tutto per tentare di destabilizzare l’amministrazione Marino, per metterla all’angolo. Perché questa amministrazione dà fastidio, ha rotto troppi equilibri e va resa ogni giorno più fragile per far sì che tutto cambi affinché nulla cambi”.

“Io non ci sto – annuncia quindi – Lascio per impraticabilità di campo, perché non intendo prestarmi neanche per un giorno di più a questo gioco al massacro. Con il mio passo indietro confermo la mia più grande fiducia e stima nei confronti del mio sindaco, di Ignazio Marino, che credo e spero possa continuare le battaglie politiche di sinistra che questa città merita e che io esigo per Roma”.

La capitale perde così il suo numero due. E quelle di Nieri seguono altre dimissioni eccellenti nel giro di pochi giorni: prima del segretario generale del Campidoglio Liborio Iudicello, poi del collaboratore di Marino Mattia Stella. Senza contare, poco più indietro nel tempo, l’abbandono dell’assessore alla Casa Daniele Ozzimo, del presidente dell’assemblea capitolina Mirko Coratti e di diversi consiglieri finiti in manette per l’inchiesta di Mafia Capitale, oltre all’annunciato ritiro dell’assessore ai Trasporti Guido Improta. Marino ora dovrà per forza fare i conti con un rimpasto del suo esecutivo ed aprire la ‘fase 2’, mettendo mano alla squadra di assessori e alla poltrona a lui più vicina. Al primo cittadino Nieri dice, nella lettera d’addio: “Mi auguro che le battaglie che non ho potuto concludere siano portate avanti e vinte da chi mi sostituirà. Sono certo che il sindaco saprà scegliere il meglio per la nostra città, per i nostri dipendenti, per tutte le romane e i romani”.

Marino: “Nieri persona onesta”. Intanto Marino, che, come l’assessore capitolino alla Legalità Alfonso Sabella, definisce Nieri “una persona leale ed onesta che sa far prevalere l’interesse della città ad ogni altra ipotesi”, dice: “Da quando due anni fa abbiamo iniziato la nostra comune esperienza in Campidoglio, gli attacchi pretestuosi quanto violenti, le polemiche artificiose nei confronti di Luigi Nieri non sono mai mancati, fino a raggiungere una intensità umanamente difficile da sopportare. Luigi ora mi ha comunicato la sua decisione di volersi sentire libero, per rispondere con tutta la forza necessaria alla continua delegittimazione di cui è bersaglio. Oggi comprendo la sua amarezza”.

Sel: “Ci ripensi e vada avanti”. E se le opposizioni, da Forza Italia alla Destra di Storace alla Lista Marchini, vanno all’attacco e fanno pressing affinché alle dimissioni del vice seguano quelle del sindaco, Sel, tramite il coordinatore nazionale Nicola Fratoianni, chiede a Nieri, di “ripensare la propria

scelta di rassegnare le dimissioni”. “Pensiamo oggi come ieri – si legge in una nota – che questa esperienza debba andare avanti ricostruendo un patto con la città e con i cittadini a partire dalle emergenze più rilevanti”. E su Twitter Nichi Vendola scrive: “Un grande abbraccio a Luigi Nieri, contro di lui una campagna indegna. Chi lo conosce ne apprezza onestà e passione. Il suo è un gesto di grande sensibilità istituzionale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Manifestazione ad Albano per ricordare i caduti della Resistenza
Nozze gay, Marino: «Riconoscere i matrimoni celebrati all'estero»
VIGILI ASSENTI/ Rissa sui numeri tra Augello e il comandante Clemente
IN RIVOLTA PER IL DECORO/ Giardini di Castel S.Angelo, a due passi da San Pietro: rifiuti e degrado
Pd, si lavora alla lista: dieci "accoltellatori" di Marino verso la ricandidatura
Qualità della vita: Bolzano regina d’Italia, sprofonda Roma



wordpress stat