| categoria: esteri

“Non possiamo accogliere tutti”: la Merkel fa piangere una studentessa palestinese

“Non possiamo accogliere tutti, la politica a volte deve essere dura”. Con queste parole Angela Merkel ha fatto capire a una giovane palestinese, da quattro anni in Germania, che dovrà presto lasciare il suolo tedesco per far ritorno nella sua terra di origine. E la ragazza è scoppiata a piangere. E’ successo a Rostock durante un incontro tra la cancelliera e gli studenti della scuola Paul-Friedrich-Scheel.
Approfittando della presenza del capo del governo tedesco, la giovane ha preso il microfono e ha chiesto alla cancelliera perché ora sarà costretta a lasciare il Paese, dopo che alla sua famiglia è stato rifiutato l’asilo in Germania. E, ancora, perché non potrà vivere il sogno di studiare come i suoi coetanei. E ha iniziato a singhiozzare.

Spiazzata dalle parole e dalla reazione della ragazza, la Merkel si è avvicinata, le ha carezzato il viso e ha cercato di rassicurarla. Il tutto sotto l’occhio di una videocamera.

“In Libano ci sono migliaia di persone nei campi profughi. Non possiamo dire a tutti di venire in Germania. Altrimenti non ce la faremmo”, ha spiegato la cancelliera a Reem, che asciugandosi le lacrime ha annuito. “Quel che posso promettere – ha aggiunto – è che in futuro le procedure per valutare le richieste d’asilo siano più celeri”.

Ti potrebbero interessare anche:

Amnistia anche per le Pussy Riot, scarcerata Maria Alyokhina
TURCHIA/ Opposizione: 'Minacce del governo al capo della Procura di Smirne'
Iraq: ferito al Baghdadi, ucciso ilsuo 'braccio destro'
Trionfo di Obama, via libera all'accordo sul nucleare con l'Iran
DERBY ITALIANO PER LA PRESIDENZA DEL PARLAMENTO EUROPEO
Elezioni Francia, l'ex professoressa con 20 anni di differenza: chi è la moglie di Macron



wordpress stat