| categoria: esteri

Venezuela, Fmi lancia allarme: nel 2015 inflazione sopra il 100% e Pil a -7%

Il sogno bolivariano di Hugo Chavez rischia di trasformarsi in un incubo per i cittadini venezuelani, costretti ad inseguire un’inflazione che corre senza sosta e a vedere il governo di Nicolas Maduro costretto ad utilizzare le riserve monetarie per tamponare gli effetti della recessione. Questa l’immagine del Paese latinoamericano presentata dal Fondo Monetario Internazionale nella giornata di ieri,nel corso di una conferenza stampa del direttore del Dipartimento dell’Emisfero occidentale Alejandro Wener. “Il Venezuela continua a vivere una profonda recessione – ha spiegato -. Si prevede per il 2015 una contrazione del Pil di circa il 7% e un’inflazione superiore al 100%”. Werner ha poi definito “insostenibile” la politica macroeconomica attuata da Caracas: “L’impatto della caduta dei prezzi delle materie prime, in particolare il petrolio, è stato amplificato dal protrarsi per diversi anni di politiche macroeconomiche insostenibili e di un forte intervento sulle dinamiche microeconomiche”. Il Venezuela, insieme al Brasile (con un più contenuto -1,5%) è l’unica nazione della regione che chiuderà in recessione l’anno solare. Il dirigente dell’Fmi ha quindi puntato il dito contro il governo di Maduro, accusandolo di non essere intervenuto per ridurre questi “importati squilibri”, definendo le prospettive del Paese “molto complesse”.

Ti potrebbero interessare anche:

Manifestazioni al Cairo. Mubarak sarà scarcerato
BRUXELLES/Valanga svizzera su Ue, rischi trattati e populismo
ISRAELE/ Da Netanyahu a Herzog, i protagonisti del voto
Nablus, due israeliani uccisi in attacco terroristico
PROFILO/ La svolta di Marine Le Pen, Jean-Marie è ormai il passato
Londra, giovane palermitano indagato per legami con l'Isis



wordpress stat