| categoria: attualità

Caos profughi, allarme del Viminale: ora rischio rivolte in tutte le città d’Italia

Una protesta destinata ad allargarsi. Non soltanto Roma e Treviso: aizzata da logiche economiche e da una politica su cui soffia l’estrema destra, la battaglia contro l’immigrato potrebbe diventare la nuova emergenza per il nostro Paese.

Il Viminale si aspetta altri focolai, altre reazioni violente, anche se questa volta – lasciano chiaramente intendere – la linea sarà quella dell’intransigenza. «Non faremo un passo indietro, neanche di un millimetro – confermano – Del resto, stiamo parlando di 84 mila persone. In Italia ci sono 8100 comuni per sessanta milioni di abitanti. È una media di dieci migranti a comune. È questa l’invasione di cui si discute. Conta poco la questione politica, qui è in gioco la vita di persone». Nel pomeriggio, poi, durante un convengo per la presentazione del XXIV rapporto nazionale sull’immigrazione, il prefetto Mario Morcone, capo del Dipartimento sull’immigrazione, ha ribadito: «Fa male a un Paese come l’Italia l’atteggiamento di sordità di molti sindaci e amministratori del Veneto su come affrontano il problema dell’accoglienza degli immigrati».

Prima di lui anche il ministro della giustizia Andrea Orlando aveva dichiarato: «Credo che ci sia una tensione oggettiva sulla quale si sta speculando e sulla quale si stanno compiendo atti gravi che purtroppo richiamano alla mente episodi tristi che il nostro continente e questo paese hanno già conosciuto».

Ti potrebbero interessare anche:

Appalti G8, sequestrati beni per 13 milioni di euro ad Angelo Balducci
Da Charlie Hebdo al Tgv, Francia nel mirino del terrore
Ue: via libera alla «fase due», forza militare contro gli scafisti
IL PUNTO/ Un terrorista dietro ogni vu'cumprà, spiagge da incubo
Vaccini, rissa Salvini-Lorenzin
LA SVEGLIA/ Ue: 'Squilibri Italia eccessivi, male debito e riforme'



wordpress stat