| categoria: sanità

FUMO/ Giro di vite del Ministero, immagini shock e divieto con bambini in macchina

Il fumo «causa il 90% dei casi di cancro ai polmoni», oppure «aumenta il rischio di cecità», o ancora «è dannoso per i tuoi denti e le tue gengive». Frasi chiare sui danni del tabagismo, rese ancora più eloquenti dalle immagini shock di organi e persone malate, che campeggeranno sui nuovi pacchetti di sigarette, come chiede la direttiva europea sul tabacco recepita nella bozza di decreto legislativo messo a punto dal ministero della Salute. Un nuovo giro di vite contro il vizio del fumo: si prevede il divieto di fumare in auto in presenza di minori e donne incinte, e sono banditi i pacchetti da 10, le sigarette aromatizzate e additivi vari, mentre vengono inasprite le sanzioni per la vendita ai minori. La gran parte delle nuove norme dovrebbe entrare in vigore in tempi brevi, nel giro di qualche mese. I pacchetti cambieranno volto, per dissuadere dal vizio. Vengono infatti introdotte «le ‘avvertenze combinate’ relative alla salute, composte da un’avvertenza testuale, un’immagine a colori e informazioni sulla disassuefazione dal fumo (telefono verde contro il fumo dell’Iss e sito del Ministero della Salute)», si legge nella bozza di decreto. Non compariranno più sulle confezioni le indicazioni sul tenore di catrame, nicotina e monossido di carbonio, «ritenute ingannevoli per il consumatore. Le avvertenze occuperanno il 65% – e non più il 30-40% -del fronte e del retro delle confezioni». Non saranno più venduti i pacchetti da 10, che per il minor costo vengono spesso acquistati dai giovanissimi.

Ti potrebbero interessare anche:

In vendita i farmaci anticancro a mille euro alla settimana
Protesi d'anca difettose, 20 casi segnalati alla Procura di Torino
Lorenzin, con +60% di spesa l'aspettativa di vita salirebbe a 85 anni
Sanità, la regione più sana? Il Trentino. La più malata? La Calabria
Storie/1 – Chi offre la via d’uscita ai post –comatosi?
Nei prossimi 3 anni in pensione 23mila medici, tra quota 100 e raggiunti limiti di età



wordpress stat