| categoria: Musica

MUSICA/ Chiusa Umbria Jazz, al via Trasimeno Blues

Nell’estate umbra dopo il jazz arriva il blues. Spenti ieri sera i riflettori su Umbria Jazz a Perugia, giovedì comincia Trasimeno blues nei borghi in riva al lago. La «musica del diavolo» nelle sue diverse varianti, ortodosse o contaminate, inonderà le principali località del Trasimeno (Passignano, Castiglione del lago, Tuoro, San Feliciano, Città della Pieve) fino al 2 agosto. In 11 giorni di festival ci saranno 24 concerti in 15 diverse ambientazioni. Tutti i concerti, tranne tre, sono a ingresso gratuito. Tra i principali eventi del festival, arrivato alla ventesima edizione, c’è il progetto «Playing For Change» che con «Stand By Me World Tour» coinvolge artisti provenienti da diversi paesi, culture ed etnie, insieme sullo stesso palco per un unico messaggio di pace attraverso la musica. Un evento di Black Music trasversale è quello che avrà come protagonisti l’eclettico bluesman Corey Harris & The Rasta Blues Experience. Harris è un musicista fantasioso, inventore di originali commistioni. Dall’Africa arrivano l’Afro Funk togolese dei Vaudou Game, l’ultimo Griot del Mali Baba Sissoko, l’Afrobeat dei Bandanera e il Soul Reggae Dub di The Dynamics. Nel blues più tradizionale si collocano Sugaray Rayford, Randolph Matthews, il pluripremiato pianista, cantante e compositore Mighty Mo Rodgers, Leburn Maddox, il Blues classico chicagoano della Linda Valori Blues Band, il Soul e Rhythm’n’Blues di Lisa Hunt & James Thompson with Harlem Blues Band. Molti i musicisti italiani presenti.

Ti potrebbero interessare anche:

MUSICA/ Il trio Servillo-Girotto-Mangalavite torna con "Parientes"
A Milano l'incant mistico Florence+The Machine
Tiziano Ferro, sono a un nuovo inizio
Dik Dik, doppio cd per 50 anni di carriera
I 50 anni di Sgt.Pepper's, aprì le porte al futuro della musica
“Vodka e Noccioline”, il ritorno dei Jaspers



wordpress stat