| categoria: sanità Lazio

UMBERTO I/ Braccio amputato a bimba di 6 mesi per una cannula posizionata male?

Una bambina nata prematura a sei mesi, il 1 luglio scorso,600 grammi di peso in tutto, era ricoverata in terapia intensiva al Policlinico Umberto I. Condizioni difficili, certo. Eppure, di flebo in flebo, nutrita artificialmente, la neonata respirava, viveva, cominciava piano piano, giorno dopo giorno, a crescere. Da lunedì 3, invece, è ricoverata all’ospedale pediatrico Bambino Gesù, dove le è stato amputato il braccio sinistro. Un intervento che sembra le abbia salvato la vita, in realtà. Perché l’arto era andato in necrosi, forse per un cannula posizionata male, durante il ricovero all’Umberto I. L’ipotesi è che, proprio qui, nella fase dell’alimentazione con il sondino, potrebbe essere stata commessa una grave negligenza, un errore costato carissimo. Il posizionamento dell’ago della flebo, operazione particolarmente complessa per via della fragilità della piccola, avrebbe dovuto essere eseguita in modo accurato. Probabilmente, invece, non è stato così. Forse – anche questa è un’ipotesi al vaglio degli investigatori coordinati dal pool di magistrati della procura specializzati nelle verifiche sulle colpe mediche – si è atteso troppo prima di dare l’allarme.Sta di fatto che, ieri, la situazione è apparsa drammaticamente compromessa e alla bimba è stato amputato il braccino. «L’intervento è riuscito ma la paziente è ancora in prognosi riservata, ricoverata al reparto di Terapia intensiva, dove però i genitori possono sempre accedere», spiegano dal Bambino Gesù.Nella denuncia presentata in procura dall’avvocato Marco Frazzini, che assiste la famiglia della piccola, si ipotizzano le lesioni colpose procurate dal personale medico dell’Umberto I. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta. Il pubblico ministero Delia Cardia e il procuratore aggiunto Leonardo Frisani indagano per lesioni colpose gravi. Gli approfondimenti riguardano l’operato del personale medico del Policlinico. Sul registro degli indagati non ci sono ancora nomi ma gli investigatori hanno disposto il sequestro della cartella clinica e del braccino amputato.
«I genitori della piccola, almeno per ora, si preoccupano solo delle sue condizioni di salute. La mamma è al Bambino Gesù. Ovviamente sono molto addolorati, mettetevi nei loro panni. La denuncia presentata ha solo uno scopo cautelare, per essere certi che venga appurata la verità dei fatti. Non ci sogniamo di accusare a sproposito nessuno», sottolinea l’avvocato Frazzini.

Ti potrebbero interessare anche:

Aned Lazio denuncia: il Santo Spirito chiude la dialisi per una settimana
L'ospedalità privata respira, il Consiglio di Stato boccia il taglio retroattivo del budget
Tangenti, condannato a 4 anni l'ex assessore Verzaschi
Le Asl tornano ad assumere, +50% rispetto al 2014
Stop a obiettori di coscienza nei consultori: Tar boccia ricorso del Movimento per la vita
La Giornata del Malato del San Giovanni Addolorata



wordpress stat